Home / News / Costanza Riva
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Costanza Riva

Costanza Riva, Stanza n.3, 2015 gesso, base in cemento, 30 x 12 x 16 cm

 

Autore: Costanza Riva

Titolo opera: Stanza n.3

Anno: 2015

Tecnica e materiali: Gesso (e base in cemento)

Misura: cm 30x12x16

Nota esplicativa: Le sette testine che compongono l’opera vengono ammassate in un grumo che desidera rientrare in un’estetica che fa riferimento al concetto di persone come architetture. Bianche figure in gesso compongono una forma che intende richiamare non solo i tipici paesini arroccati sui monti, bensì anche l’architettura sacrale e monumentale che intrattiene un rapporto con il passato e con le entità che nel tempo rimangono intrappolate in questo mondo per mezzo del ricordo. Immaginando ognuno di noi come un edificio composto da stanze, nelle quali si nascondono le parti diverse di un “io” difficile da definire, la serialità permette di mantenerne in vita e di svelarne ogni lato. Avviene così che ognuna di esse diventa una parte di un insieme unico e compatto, definito. Come un altare di culto l’opera prende il posto della parte che nella vita reale tende ad andarsene.

 

Biografia

09/2008 – 07/2013: Diploma Liceo Artistico Vincenzo Foppa – Via Luzzago 1, 251200 Brescia

08/2011 – 01/2012: Semestre di studio all’estero (Leavenworth, KS, Stati Uniti) Leavenworth High School – 2012 10th Ave, Leavenworth, KS 66048

10/2013: Iscrizione all’Accademia di Belle Arti di Carrara (MS) corso di Scultura Cattedra prof. Franco Mauro Franchi, Fabio Graziani

07/2014: Memorie Urbane, Mostra presso Edolo (BS) in collaborazione con la pittrice Maria Grazia Bellini

07/2014: Quartieri d’Autore, Esposizione in collettiva a Sassetta (LI)

06/2015: Vicoli in…Arte, Esposizione in collettiva a Ripa (PG)

08/2015: Bibbona in Arte – Primo simposio di scultura, Partecipazione al simposio di Bibbona (LI) con realizzazione di opera permanente in loco

Unico concerto in Italia per Rod Stewart e appuntamento unico per gli appassionati e per i fan del l’ex frontman dei Faces: il 31 gennaio al Forum di Assago (Mi) si scrive la storia del rock! L'ultima volta che abbiamo visto Rod Stewart in Italia è stato il 21 giugno 2010,  nel concerto pirotecnico  che ha incendiato il palco dell'Arena di Verona Per l'occasione Stile arte, in collaborazione con Stubhub Ebay, ti propone gli ultimi biglietti rimasti per poter partecipare all'incredibile evento. Acquista in totale sicurezza. Stubhub è la piattaforma per la compravendita di biglietti più grande al Mondo. Tramite StubHub  si ha la possibilità di accedere ad una grande varietà di biglietti per eventi sold out nei canali tradizionali. I BIGLIETTI PER IL CONCERTO DI ROD STEWART IN VENDITA SU STUBHUB         Acquista qui i ticket per il concerto di Rod Stewart in tutta sicurezza! Qui di seguito riportiamo le date, cliccando sul link avrai accesso alle info specifiche e avrai la possibilità di acquistare i biglietti in completa sicurezza I biglietti per il concerto di Rod Stewart del 31 gennaio, settore per settore. Controlla qui la disponibilità e acquista il tuo ticket

Forum Assago, clicca sull'immagine per verificare la disponibilità dei posti

  StubHub è la società di eBay, ha reinventato il mercato mondiale dei biglietti nel 2000 e mantiene la sua leadership grazie a una continua innovazione. Nel maggio 2016, Ticketbis è diventata parte di StubHub, creando una rete di oltre 40 paesi di acquirenti e venditori. Acquista biglietti con fiducia Compra biglietti per qualsiasi evento. Se dovessero esserci problemi con il tuo acquisto, StubHub farà tutto il possibile per trovare un biglietto sostitutivo. Se l’evento dovesse essere cancellato o riprogrammato, riceverai un rimborso completo   Rod Stewart in concerto. Qui i biglietti in vendita da Stubhub Ebay
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sai cos’è esattamente l’alchimia? In poche righe la spiegazione. Il rapporto con la pittura

Yves Klein. Anthropométrie de l’époque bleue (1960). Ecco il video cult