Home / Fotografia / Dal contest online alla mostra fotografica “Uno scatto per un sogno”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ape scatto

Dal contest online alla mostra fotografica “Uno scatto per un sogno”

unoscattoperunsogno_manifestoNella Sala Mostre della Biblioteca Nazionale di Potenza, la mostra fotografica “Uno scatto per un sogno”, nata dalla collaborazione tra Associazione Orme di Venosa e Agenzia Tancredi – Agenti Reale Mutua Assicurazioni di Potenza. L’esposizione è il risultato di un contest lanciato lo scorso mese di aprile nell’ambito della prima edizione della rassegna “Paroleinfoto”. Alla competizione on line hanno partecipato con i propri scatti decine di fotografi da tutta Italia, tra i quali sono stati selezionati 21 finalisti, 15 votati dal popolo del web e 6 scelti dallo staff organizzativo.

Ai partecipanti al contest è stato chiesto di realizzare uno scatto fotografico che interpretasse in modo creativo la tematica del futuro, filtrandola attraverso la poetica dei sogni e dei desideri. La scelta delle migliori 21 fotografie ha così permesso di comporre un racconto per immagini capace di catturare speranze e prospettive per il futuro dal sapore universale. In esso ogni visitatore potrà riconoscersi, perché i progetti e i desideri accomunano tutti, giovani e adulti, a prescindere dalla loro realizzabilità, e sono la linfa vitale di ciascuno di noi.

L’impiego del termine “scatto” nel titolo della manifestazione non è casuale né va riferito al mero scatto fotografico, ma ha una doppia valenza. Indica, infatti, anche lo “scatto d’orgoglio” di chi, a dispetto delle mille difficoltà quotidiane, decide di essere propositivo, di agire fattivamente, provando a rendere possibili e concreti i sogni propri e degli altri.


L’autore dell’immagine che ha ottenuto il maggior numero di consensi, Francesco Traficante di Picerno (PZ) con lo scatto intitolato “Gli occhi del cuore”, verrà premiato con un buono di 100 euro da spendere per l’acquisto di libri. A tutti gli autori selezionati per la mostra, invece, verrà assegnato un attestato di riconoscimento. Questi i loro nomi: Sergio Addario, Debora Anzalone, Sara Cardillo, Sara Colzi, Maria Antoneta Cuni, Salvatore De Caprio, Giulia Maria De Giorgi, Antonio De Stefano, Christian Deledda, Erika Gottardi, Sara Mandis, Andrea Materni, Alessandro Onelli, Ettore Pilati, Elisa Ravagnani, Mahboobeh Rezaei, Rocco Scattino, Michele Signa, Luciano Spera, Teri Volini.

La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13 fino al 19 luglio, per poi spostarsi in altre location di prestigio nelle settimane successive. Il percorso espositivo sarà arricchito da una serie di frasi celebri e citazioni tratte da libri, tutte riferite in qualche modo ai sogni e alla visione del domani, selezionate con il supporto del personale della biblioteca. L’apertura della mostra sarà preceduta da una conferenza di presentazione dell’iniziativa a pubblico e giornalisti

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica