Home / Arte Eros / Dalì. Il delirio erotico osservando la sorella appoggiata alla finestra
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

dalì

Dalì. Il delirio erotico osservando la sorella appoggiata alla finestra

di Enrico Giustacchini

Ana María, sorella amatissima. E’ il 1925, quando Salvador Dalí la ritrae in questo quadro. La ragazza è effigiata di spalle mentre guarda il mare di Cadaqués. García Lorca, che era stato ospite, nei mesi estivi, dei due fratelli, in una lettera così ricorderà tale periodo: “Davanti allo straordinario paesaggio che si presentava dalla vostra finestra, mi sembrava di vivere in un sogno”.

Salvador Dalì, Figura a una finestra,  olio su cartone, 105x74,5 cm, 1925

Salvador Dalì, Figura a una finestra,
olio su cartone, 105×74,5 cm, 1925

Ana María aveva posato per Salvador rimanendo immobile ore ed ore, pazientemente. Il risultato era stato questo splendido omaggio alla bellezza e all’armonia delle forme di lei, azzurra nell’acqua azzurra. Un dipinto di stampo “fiammingo”, nella cura del dettaglio, nel racconto dei drappeggi, delle trasparenze, dell’alternarsi delle ombre e delle luci.

Il controquadro, o meglio, la traduzione del quadro in chiave diabolica, è datata 1954, quasi trent’anni dopo. I due un tempo inseparabili figli del notaio di Figueres sono oramai ai ferri corti. La pubblicazione di un diario, in cui Ana María rivelava alcune indiscrezioni non troppo lusinghiere sull’artista, ha mandato Salvador su tutte le furie. E la vendetta si consuma a colpi di pennello.

Salvador Dalí, Giovane vergine autosodomizzata dalle corna  della sua stessa castità, 1954

Salvador Dalí, Giovane vergine autosodomizzata dalle corna
della sua stessa castità, 1954

 

L’opera è intitolata Giovane vergine autosodomizzata dalle corna della sua stessa castità. Dalí rifà il dipinto del 1925 in versione hot, ispirandosi ad una fotografia scovata su Playboy. La sorella in passato adorata è sempre alla finestra a guardare il mare. Ma è completamente nuda, adesso, e parrebbe non disdegnare la contiguità delle protuberanze che fluttuano nell’aria, insidiandone la virtù.

Tuttavia, non possiamo non notare che, quasi trent’anni dopo, Ana María è rimasta, agli occhi del fratello, aurorale e bellissima come nelle estati di Cadaqués. Salvador proprio non ci riesce, a volerle male. E lo sghignazzo si stempera in un sospiro di nostalgia.

GRATIS

PER VEDERE GRATUITAMENTE TUTTA LA RACCOLTA DI ARTE EROTICA DI STILE ARTE, I DISEGNI E I QUADRI “PROIBITI” DEI GRANDI AUTORI O FOTOGRAFI (qui sotto vedi un’opera di Boldini, copertina della raccolta STESSA), PUOI ENTRARE TRANQUILLAMENTE NELLA PRIMA PAGINA DEL QUOTIDIANO DI CULTURA STILE  ARTE, CLICCANDO IL LINK DI SEGUITO www.stilearte.it. A destra, in alto, nella prima pagina troverai l’accesso alla rubrica.

Medium Rectangle 300x250 testocontornato

x

Ti potrebbe interessare

a pornopitocchetto

Che fai, ragazza con quella mano? Il Porno-Pitocchetto e dintorni nel Settecento contadino

a copertina

Franco Bocchi, disegni erotici di fuoco e di gioia. Le immagini