Home / Design e Architettura / Design, meraviglioso bosco proiettato da un lampadario
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Design, meraviglioso bosco proiettato da un lampadario


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 &

lampadario campo mediolampadario da vicinolampadario primissimo pianolampadario primo pianoRicorda un bosco intricato del romanticismo tedesco. Ombre fluttuanti, piegate, di rami e radici attorti. Lo spettacolo che crea nella stanza è suggestivamente magico. Unico. Un design che attorce gli elementi naturali per creare effetti sorprendenti, scultorei.

“Ecco ‘Forms in nature’, forme in natura – dicono gli autori del lampadario-scultura, gli artisti Thyra Hilden (1972, DK) e Pio Diaz, (1973, AR) – Queste sculture di luce assomigliano ai disegni del filosofo darwinista Ernst Haeckel. Attraverso una semplice azione, ad esempio intensificando la luminosità al
centro del disegno, la luce trasforma lo spazio e aggiunge carattere all’ambiente, gettando ombre sovradimensionate sulle pareti o sui soffitti”.
Lavorando rami e radici, in una scultura in miniatura, i due artisti ottengono una proiezione discontinua e intrecciata delle ombre che conferisce un movimento scenografico notevole alla stanza.

La storia di Hilden e Diaz

Nel 2005, i due artisti fondarono la partnership Hilden e Diaz e così fecero confluire in numerosi progetti i loro interessi artistici. Thyra Hilden giungeva dall’esplorazione dell’ambiguità esistenziale attraverso fotografie e installazioni video mentre Pio Diaz aveva lavorato sulla critica politica e sociale attraverso interventi negli spazi pubblici.
La sinergia artistica di Hilden e Diaz si focalizza ora, soprattutto, sul concetto di trasformazione dell’apparente e sui paradossi. Il loro punto di partenza è infatti quello degli elementi più comuni, elementi di base, che si trasformano, mutando radicalmente la percezione comune.

Il loro progetto principale è stato City on Fire (2005 – 2010), un lavoro su vasta scala: video installazioni in edifici e monumenti, che hanno trasformato con il fuoco virtuale al fine di rivelare la natura fragile e transitoria delle costruzioni artificiali. Questo progetto è culminato con l’installazione romana al Colosseo, “Coliseum on Fire”, nel 2010.”Per molti anni è stato il nostro interesse a mettere in discussione le strutture culturali attraverso le forze distruttive come il fuoco. – dicono gli artisti – Ultimamente, il nostro interesse si è spostato al suo polo opposto, che è, come conservare le cose più fragili esistenti nonostante tutte le avversità. Questo obiettivo è evidente nel nostro nuovo progetto artistico denominato Bubble: fare una bolla di sapone che dura per sempre”.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 &

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica