Home / News / Diangel (Belgio)
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Diangel (Belgio)

20151023_115305

20151026_091234

Diangel (Russello), Keo, 2013-2014, metallo, 1,60 x 12 x 40

 

Autore: Diangel (Russello)

Titolo opera: Keo

Anno: 2013-2014

Tecnica e materiali: metallo

Misura: h 1,60cm – larghezza 12 cm – peso 35kg circa

Nota esplicativa: /

Biografia

Sono Russello Teresa, scultrice di argilla e metallo. Il mio nome d’ artista è Diangel. Nata in Francia, vivo in Belgio. La maggior parte delle mostre le faccio a Parigi. Quest’anno ho fatto 3 mostre a Parigi e l’ ultima sarà dal 1  al 12  Dicembre 2015

Cresciuta in una famiglia emigrata di artisti italiani, sono sempre stata circondata dall’arte e ho sempre vissuto nel pudore delle mie origini. L’influenza della filosofia e della cultura asiatica si risente nelle mie opere. Dopo 20 anni di matrimonio, ho deciso di partire con una grande voglia di vivere per me stessa. Sono tornata all’università per studiare la psicologia, una delle mie passioni. E dopo, la scoperta della scultura … il mio colpo di fulmine ! Le mie opere sono state ispirate dai numerosi viaggi realizzati, dalla nuove culture scoperte et da tutto quello che ho potuto vivere durante queste esperienze. Adoro diversificare i materiali, gli stili, fare un mix di design et di arte antica, di legno e di metallo. Le mie origini e le mie esperienze si trasmettono nelle mie opere, niente é dato al caso ! Tutti i « freni » vissuti nella mia vita si rispecchiano nel mio lavoro. Rappresentati molto spesso da cerchi e barriere, simbolo di limiti e di chiusura e da personaggi astratti sospesi, simbolo di liberazione. Oggi, ho superato questi limiti grazie alla passione per l’arte che vivo alla luce del sole !

 

Sito web & Links: 

www.artquid.com/diangel

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più