Home / News / Dipinti nella torre: feci e sangue per i fumetti cinquecenteschi del prigioniero innamorato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Dipinti nella torre: feci e sangue per i fumetti cinquecenteschi del prigioniero innamorato


Nel 1947, a Spilamberto,in provincia di Modena, in seguito a lavori di consolidamento del Torrione medievale danneggiato durante il secondo conflitto mondiale, sotto l’ultima rampa di scale fu scoperta una cella di appena mt. 1,20 x 2,00, con le pareti interamente ricoperte di iscrizioni e disegni rossastri, come in un fumetto.
Era l’angusta prigione a cui messer Filippo aveva affidato il racconto della sua triste storia
d’amore: “ Un giorno, singiori, comincia la lacrimevole storia, io stava qui per li fatti miei e non
dava a nessuno fastidio. Bisongia che ve lo dica”… – scrive, quale incipit del suo racconto.
La leggenda

E’ nata così la leggenda che narra di un giovane di nome Filippo, vissuto nel secolo XVI
che, giunto a Spilamberto, vi sostò facendo commercio di stoffe preziose.
Conobbe la bella castellana ed il suo cuore fu preso (“ le amorose fiamme il cor mi prese” )
dalla candida figura della dama che ricambiò il sentimento.
Tra i due giovani nacque una storia di incontri fugaci e proibiti.
Ma il loro non fu solo un amore platonico, perché concepirono un figlio e, purtroppo, furono
scoperti. Il severo padre rinchiuse la giovane in un convento, mentre messer Filippo venne gettato
nella cella più segreta della torre che prendeva luce da un’apertura piccolissima, grande come un
mattone ed invisibile dall’esterno.
In attesa del supplizio finale, sui muri della piccola prigione, scrisse la storia della sua vita
con il sangue – dice sempre la leggenda – tanto che, molti mesi dopo, quando ne uscì per essere
consegnato nelle mani del boia, era ormai più morto che vivo.
Più volte aveva scritto “…certamente io a nessuno mai male già feci.” Non fu ascoltato ed
andò al patibolo con gli occhi bendati.
Da allora Filippo non cessa di lamentarsi, ma solo poche ragazze romantiche, nelle sere
d’estate, lo possono udire.

 

prigioniero

Uno studio contribuisce a svelare molti misteri.
Nel corso degli ultimi decenni le iscrizioni della cella hanno subito un lento, ma costante
deterioramento, tanto che nel 2003 l’Amministrazione Comunale ha incaricato la “Fondazione
Cesare Gnudi” di Bologna – istituto per la conservazione dei beni culturali – di effettuare e
coordinare uno studio volto alla loro conservazione ed alla valorizzazione della cella stessa.
Parallelamente, una ricerca storica e linguistica ha prodotto una interessante ipotesi sulla
vera identità di Messer Filippo e sulle cause che lo hanno condotto prigioniero nella torre.

La storia.
Chi era veramente Messer Filippo ?
Innanzitutto è stata sfatata l’ipotesi che fosse un mercante e marinaio
spagnolo innamoratosi della bella castellana perché egli stesso si presenta:
Io sono Filippo detto
il Diavolino che mai più son stato
in prigione ma la mia vita fu martorizzata
…Dona, singiore, la libertà
al poverin marchisano.
Così scrive sul muro e più oltre il nostro si definisce “firmano”, cioè di Fermo, nelle
Marche.
Correlando nomi, frasi, stemmi ( ad es. quelli dei Della Rovere, dello Stato Pontificio, di casa
d’Este, dei Da Varano, Rangoni), tipologia dell’abbigliamento graffiti sui muri con i risultati di
ricerche d’archivio, gli studiosi hanno confermato che Filippo visse nella prima metà del
Cinquecento e che proveniva, appunto, da Fermo. Da molti altri indizi, fra cui la facilità con cui
scrive versi, si ricava poi che era un uomo colto e che conosceva lo stile di corte del Rinascimento.
Dagli archivi marchigiani è emerso che un certo Filippo detto il Diavolino – uomo colto,
esperto in diplomazia e navigazione – frequentava la corte del Ducato di Camerino ( comprendente
anche il territorio di Fermo) durante il periodo della reggenza della Duchessa Caterina Cybo Da
Varano ( 1527-1535). La coincidenza di nome e soprannome del protagonista della nostra storia,
oltre alla relazione con stemmi nobiliari, non lascia dubbi.
In un cartiglio sul muro si legge “sovrana e pure Giulia sua figlia”.
La sovrana di cui si parla nei graffiti, quindi, potrebbe essere Caterina Cybo, moglie di
Giovanni Maria Da Varano e madre di Giulia.
Una vicenda di intrighi di palazzo e lotte per il potere.
Messer Filippo racconta quindi un’ intricata vicenda realmente accaduta nel Ducato di
Camerino tra il 1523 ( nascita di Giulia Da Varano) ed il 1535( fine della reggenza di Caterina
Cybo) e molti disegni, simboli, stemmi e frasi, rapportati a notizie storiche, supportano questa tesi.
Nel 1523 dal matrimonio tra Giovanni Maria Da Varano, signore di Camerino, e Caterina
Cybo nasce Giulia. Nel 1527 Giovanni Maria muore di peste e come ultime volontà promette Giulia
in sposa al figlio di un suo cugino, Ercole Da Varano di Ferrara, imparentato con Casa d’Este.
Rimasta sola a governare, Caterina Cybo, nel 1528 rompe il patto fatto sul letto di morte dal marito
promettendo segretamente la figlia a Guidobaldo II Della Rovere, figlio di Francesco Maria Duca di
Urbino (il cui stemma è più volte riprodotto sulle pareti della cella) in cambio della protezione dalle
mire dei Da Varano di Ferrara, interessati alla reggenza del piccolo stato del Centro Italia. Se
trapelata anzitempo, la notizia della nuova promessa di matrimonio avrebbe inevitabilmente
provocato le ire della Santa Sede – confinante con il territorio di Camerino – ed in particolare di
Papa Clemente VII, la cui famiglia – i Medici, che a suo tempo avevano sostenuto i Da Varano nel
consolidamento del loro potere – è in lotta con i Della Rovere.
Filippo, quindi, citando Giulia, scrive sui muri della sua prigione sicuramente dopo il 1523. E
non solo: ci parla anche di un laccio d’oro che la madre le aveva messo al collo: sicuramente la
catenella dorata con cui , per usanza, si cingeva il collo dei promessi sposi e che Caterina, appunto,
mette alla figlia nel 1528 promettendola segretamente a Guidobaldo. Perchè Messer Filippo, marchigiano, viene rinchiuso proprio
a Spilamberto.
Dalle frasi graffite sui muri prendono corpo due ipotesi.
Prima ipotesi: il nostro Messer Filippo fu fatto imprigionare proprio da Caterina Cybo Da Varano
perché a conoscenza della segreta promessa di matrimonio tra Giulia ed un della Rovere contro la
volontà del marito, da poco morto. Forse la Duchessa temeva che il “nostro” rivelasse un segreto
che avrebbe potuto mettere in crisi la solidità del ducato in un periodo di facili sconvolgimenti
politici ed in cui un matrimonio poteva far crollare gli equilibri degli stati. E così lo rende
“innocuo” imprigionandolo lontano dalla sua terra. Ma come Messer Filippo era venuto a
conoscenza del segreto? Probabilmente era un intimo della Duchessa, forse c’era stata una relazione
amorosa tra loro e poi la bella Sovrana si era stancata di lui. In più di una didascalia il nostro
prigioniero lascia trapelare un sincero sentimento amoroso ed amaramente scrive:
“Donna crudele e ingrata/io in lei servire e lei me maltrattare”
“Le amorose fiamme il cor me accende/per tuo amore a le cose mia bella/se questa infelice vita
iqui resta la nostra alo spirito farà ritorno….”
“Sempre la sua figura adorerò/sempre servo devoto sarò”
“ (…) che fo respinto da una dona che non ma voluto vedere (…) volete vedere che questa è una
bella festa/che questa dona ma fatto rompere la testa”.
I Rangoni, i cui stemmi compaiono tante volte sui muri del luogo di sofferenza del nostro narratore,
amministrano il territorio di Spilamberto per conto degli Estensi, in quel momento in aperto
contrasto con il Papato. Per compiacere alla nobile casa ferrarese, si sarebbero mostrati quindi
disponibili ad ospitare un prigioniero eccellente per impedirgli di rivelare un segreto alla Santa
Sede.
La seconda ipotesi – sempre riconducibile ai fatti marchigiani narrati – vede Messer Filippo, intimo
di Caterina Cybo, reso prigioniero non dalla bella duchessa, ma dai parenti del marito da poco
morto – i da Varano – che tentano un colpo di stato ai danni di Camerino nel 1528 con l’aiuto dei
cugini ferraresi.
In questo caso i Rangoni, ospitando un loro prigioniero “eccellente”, avrebbero fatto un favore ai
Da Varano di Ferrara, imparentati con gli Estensi.

Clicca sul link per aprire il PDF:

[PDF] Dipinti nella torre


STILE ARTE 2010

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più