Home / Stile arte Brescia / Domenico e Alessandro Gabbia, doppio d’arte alla Pieve
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Domenico e Alessandro Gabbia, doppio d’arte alla Pieve


Sabato 26 ottobre 2013 è stata aperta nella Pieve di Urago Mella, a Brescia, la mostra delle opere di Domenico e Alessandro Gabbia. Un confronto a quattro mani, tra due generazioni, tra padre e figlio. Due modalità diverse di misurarsi con la pittura, nelle quali può essere evidenziato, come tratto comune, l’osservazione vivificante del passato. Ricordi di un mondo contadino, fissati sui muri, per il padre. Dialogo e reinterpretazione moderna del cuore rinascimentale per il figlio. “La poetica di Domenico Gabbia attende alla gloria di un canto libero per l’infanzia – scrive Tonino Zana – si illumina di uno stile pensoso e nel contempo di una tecnica diligente. Nessuna improvvisazione nelle sue tele, lavoro lento, studiato (…) nell’ammonimento a non produrre cattiverie, segni maligni. Alessandro (…) dipinge la metafisica naturale del Cinquecento e nomina se stesso quando si esercita su una figura”. Orari di apertura della Pieve: martedi dalle 17 alle 19, sabato dalle 16 alle 19, domenica  dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

 

Alessandro Gabbia nasce a Brescia nel 76’. Figlio d’arte, si avvicina alla pittura ancora da bambino, e sotto la guida del padre Domenico comincia a muovere i primi passi nel mondo dell’arte.
Le prime esposizioni risalgono nel 1999, alla galleria A.A.B., seguono numerose collettive in gallerie private milanesi, fra quali la “Renzo Cortina” e “Il Torchio”, con la quale parteciperà a fiere d’arte nazionali.La prima mostra personale risale nel 2006, alla galleria “ Bertolt Brecht” di Milano, curata da Lorenzo Argentino e presentata dal critico Vera Maria Carminati. Nel 2008 il museo “Heritage” di Malta,  organizza la sua fortunata personale dal titolo “ Mirror of Life”. Qui sotto le opere di Alessandro Gabbia

gabbia alessandro 7 gabbia alessandro 4 gabbia alessandro 2 OLYMPUS DIGITAL CAMERA gabbia alessandro 8

 

Domenico Gabbia è nato ad Azzano Mella (Brescia) nel 1946. Nel 1977 la prima mostra personale a Brescia seguita da oltre quaranta in Italia e all’estero.

Nel 1985 è invitato ad esporre al Palazzo Ducale di Pesaro, dal 1988 collabora con importanti gallerie e tramite la Galleria Fumagalli di Bergamo espone alla “Staats Univeritat Sbibliothek” d’Amburgo e alla “Vereniging Volksuniversiteit” di Rotterdam.  Dal 1991 si susseguono moltissime esposizioni pubbliche, ne citiamo alcune: Palazzo Martinengo (Bs), Villa Usignolo (Sarezzo), Palazzo dell’Arsenale d’Iseo, Palazzo Bargnani d’Adro, Villa Glisenti (Villa Carcina), Palazzo Francesconi (Provaglio d’Iseo), Palazzo Fenaroli (Rudiano), Fondazioni Cicogna Rampana (Palazzolo sull’Oglio), Palazzo delle Magnolie (Borgo San Giacomo), tramite la Galleria D’Arte “Arte Capital” è presente alle più importanti fiere d’arte: Miart, Expo Arte di Bari, Forlì arte, Vicenza Arte, ecc…  Nel 2003 il Museo D’Arte e Spiritualità di Brescia lo invita a svolgere il tema sul “Volto di Cristo” per una mostra itinerante nelle più importanti sedi pubbliche nazionali, con grandissimi artisti tra i quali “Rouault, Kokoschka, Sutherland, Guttuso, Manzù ecc.. ed entra a far parte della Collezione del Museo.  Nel 2004 è invitato ad esporre all’Accademia Di Belle Arti di Beirut e al Museo National Council di Kuwait City.  Qui sotto le opere di Domenico Gabbia

gabbia domenico 6 OLYMPUS DIGITAL CAMERA gabbia domenico gabbia domenico 7

 

x

Ti potrebbe interessare

Claudio Filippini, l’essenza delle cose

Il volto del disegno trovato a Milano avvicinato a quello del vecchio soldato della Conversione di Saulo, mostra una stupefacente somiglianza. Altri cento disegni trovano riscontro, secondo la tesi di Curuz e Conconi, in 84 opere della maturità

Giovane Caravaggio, ecco i cento disegni ritrovati. E le ragioni della fondatezza della scoperta