Home / News / Donne, uomini e belve nell’arena. Come si formavano bestiari o gladiatori
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Donne, uomini e belve nell’arena. Come si formavano bestiari o gladiatori

Valente archeologa, Federica Guidi si rivela anche una brava autrice. La conferma è nel libro Morte nell’arena. Storia e leggenda dei gladiatori, pubblicato da Mondadori. Il volume ci dice tutto, ma proprio tutto, su questo aspetto della storia romana che tanto colpisce l’immaginazione di ciascuno e che recenti successi cinematografici hanno riportato prepotentemente all’attenzione generale. In realtà, però, poco sappiamo di uno spettacolo affascinante, complesso e terribile la cui fortuna durò interrottamente per oltre sette secoli, insuperabile fenomeno di massa, come diremmo oggi, e formidabile strumento di consenso da parte del potere. Il libro di Federica Guidi non dimentica nulla sull’argomento: illustra le origini dell’usanza e la sua evoluzione nel tempo, l’identikit dei gladiatori, le “specializzazioni”, l’addestramento, le armi e i costumi, la complessa macchina organizzativa degli eventi, i luoghi, le manifestazioni collaterali.


 

Non mancano le variazioni sul tema: il ricorso agli animali, feroci e non, i sacrifici umani (ad essere sacrificati non erano solo i cristiani, ma anche prigionieri politici, ribelli, semplici malfattori, talvolta cittadini innocenti, vittime della prepotenza imperiale), le battaglie navali. E molte, e gustose, le curiosità (alzi la mano chi sapeva che a battersi nell’arena c’erano pure gladiatori donna). Il  lavoro dell’autrice è preciso, accurato, basato su una ricca e approfondita documentazione, e al contempo appassionante da leggersi in un fiato. Come bene sottolinea nell’introduzione Valerio Massimo Manfredi, Federica Guidi “analizza e descrive il fenomeno con grande rigore ma anche con grande distacco e leggerezza, con tocchi di ironia qua e là che alleviano il senso di oppressione che l’argomento potrebbe suscitare in anime particolarmente sensibili… con un registro narrativo che rifugge dagli effetti speciali e che per questo risulta assolutamente impressionante”. Assai suggestivo, infine, il repertorio iconografico del volume. Pittura, mosaico, scultura, ceramica, arti applicate accompagnano il lettore in un intenso itinerario visivo e rappresentativo dentro mille volti della gladiatura. Un fenomeno – questo – che non poteva non lasciare indifferenti gli artisti dell’antichità, e che avrebbe ispirato altresì molti colleghi di epoche successive, sino ai nostri giorni (come non pensare al celebre ciclo di Giorgio de Chirico dedicato proprio ai gladiatori?). (e.g.)

 

 

 

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica