Home / Aneddoti sull'arte / Dürer è morto per poter disegnare dal vero un mostro marino
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

seppia

Dürer è morto per poter disegnare dal vero un mostro marino

seppia


L’amore di Albrecht Dürer nei confronti della realtà, della riproduzione ineccepibile della stessa sul piano pittorico è nota, così come lo sono gli interessi in campo scientifico, che lo contraddistinguono quale uomo dal multiforme ingegno. Una sorta di Leonardo tedesco, molto attento all’osservazione scientifica della realtà. I suoi acquerelli, disegni o incisioni portano l’attenzione soprattutto in direzione degli animali selvatici, seppur con qualche eccezione, come per il rinoceronte, enorme bestia da serraglio, alla nostra latitudine.

dure rinoceronte

Come dimostrano alcune splendide immagini di questa pagina l’osservazione del mondo naturale fu molto accurata, quasi fotografica, e ciò grazie alla puntigliosità e alle non comuni doti di disegnatore. Non poteva sfuggirgli allora, la notizia che sulle coste tedesche, si era arenato un mostro marino.

Gran camminatore, capace di mettersi ad affrontare lunghi viaggi all’improvviso, come era avvenuto durante la gioventù, sulla via per Venezia, l’artista si era messo immediatamente in viaggio per poter registrare l’evento e riprodurre le fattezze dell’animale che era spiaggiato. Lungo la strada, non breve – la bestie prodigiosa si trovava nelle acque basse, quasi sulla battigia di una spiaggia della provincia olandese della Zelanda – le informazioni si fecero più precise. La gente diceva di aver sentito qualcuno parlare di una grande balena. Il pittore si impose una marcia molto rapida perchè voleva assolutamente arrivare sul posto prima che l’animale fosse smembrato.

durer scoiattoli

durer granchio

durer pipistrello

lepre

Non tutti sanno che la sua fine fu conseguenza, seppure indiretta, di questa vivace curiosità e dell’atteggiamento tutto rinascimentale nei confronti della realtà. Raggiunse il luogo, ma il triste gioco del destino fu duplice. Non solo i resti del cetaceo erano scomparsi, smontati dalle onde e portati al largo al largo dalla marea, ma durante lo spostamento sostenuto per osservarla Albrecht aveva contratto la malaria la malaria che lo avrebbe portato alla morte nel 1528.

durer gatto

durer cervo

NEL DIVERTENTE FILMATO UNA DECINE DI ANIMALI DI ENORMI DIMENSIONI TRA I QUALI GRANCHI O SEPPIE GIGANTESCHE. LA BALENA DI DURER ATTIRO’ LA STESSA ATTENZIONE TRIBUTATA AI MOSTRI MARINI EMERSI IN QUESTI ANNI

crab

 

 

 

x

Ti potrebbe interessare

Collage di Dali per le Ricette di Gala, oggi riedito da Taschen

Salvador Dalì – Ossessione del cibo, ricette afrodisiache, compulsioni gastro-erotiche

Il matrimonio segreto di Giambattista Tiepolo