Home / News / Ecco le opere incompiute da Leonardo a Van Gogh
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ecco le opere incompiute da Leonardo a Van Gogh

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

non finiti Lascapigliata

La Testa di fanciulla (detta La Scapigliata) è un dipinto a terra ombra, ambra inverdita e biacca su tavola (24,7×21 cm) di Leonardo da Vinci, databile al 1508 circa e conservato nella Galleria nazionale di Parma.

Perin del Vaga, Sacra famiglia con san Giovannino". Le figure di San Giuseppe e della Madonna non sono state completate con la pittura. L'artista ha steso una preparazione chiara sul fondo. Haa poi attesoche ascgiugasse. Con penna e inchiostro ha quindi tracciato il dettagliato disegno preparatorio. Ha quindi dipinto Gesù Bambino, ma il suo lavoro si è interrotto

Perin del Vaga, Sacra famiglia con san Giovannino”. Le figure di San Giuseppe e della Madonna non sono state completate con la pittura. L’artista ha steso una preparazione chiara sul fondo. Ha poi atteso che asciugasse. Con penna e inchiostro ha quindi tracciato il dettagliato disegno preparatorio. Ha poi dipinto Gesù Bambino e le mani di Maria, ma il suo lavoro si è interrotto

Impostati, non finiti. Tecnicamente: incompiuti. Di grande interesse sono le opere non terminate dai grandi autori poichè offrono, direttamente e senza difficolta di comprensione, le modalità tecniche di realizzazione dei dipinti, tra disegni sottostanti -underdrawing – ed approcci più diretti alle tele e alle tavole. Leonardo sfumava già a livello di intervento preparatorio, com’è possibile vedere soprattutto nell’Adorazione dei magi, più sotto.
L’idea di esplorare, attraverso una mostra le  opere incompiute dal 15 ° secolo ad oggi è venuta alla dirigenxza del Met di New York, uno dei più grandi musei enciclopedici del mondo.

non finiti van gogh auverse sur l'oise

Un dipinto incompiuto di Van Gogh, esposto al Met di New York. L’opera, un paesaggio di Auverse sur l’Oise, rende più evidente la procedura del maestro olandese che utilizza il pennello come fosse una matita, realizzando tratteggi direzionali, che conferiscono movimento alle diverse masse presenti nel dipinto


L’ANALISI DELLA GRANDE INCOMPIUTA DI LEONARDO
SOTTOPOSTA A DUE ANNI DI ACCURATISSIMO RESTAUTO

Due anni di lavoro accuratissimo per il recupero  del dipinto su tavola, raffigurante l’Adorazione dei Magi (cm 246×243), iniziato nel 1481 da Leonardo da Vinci per il monastero di San Donato a Scopeto e lasciato incompiuto. Un’opera di  grandissimo interesse artistico e tecnico,poichè mostra con estrema chiarezza le modalità lavorative dell’artista,la sua perfezione, l’ancoraggio saldo al disegno, la presenza di sfumato già nelle fase preliminari della realizzazione dell’opera. Durante il primo anno l’opera è stata sottoposta a un’articolata serie di indagini diagnostiche per capire a fondo lo stato di conservazione del supporto ligneo (che è stato modificato dimensionalmente nel tempo), e della superficie pittorica preliminare che Leonardo aveva iniziato a comporre.
Quindi è iniziato una prima fase dell’intervento di restauro.

 

PRIMA DEL RESTAURO INTERO LUCE VISIBILE LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

PRIMA DEL RESTAURO INTERO LUCE VISIBILE LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

 

DURANTE PULITURA. INTERO LUCE VISIBILE LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

DURANTE PULITURA. INTERO LUCE VISIBILE LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

 

 

di Marco Ciatti
Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Ora vediamo chiaramente e in maniera inconfutabile che l’intervento di pulitura, tramite un leggero, graduale e differenziato assottigliamento dei vari materiali sovrapposti nei secoli dai vari manutentori e restauratori delle Gallerie sulla superficie, era assolutamente doveroso e tecnicamente possibile.
Come appare in maniera così evidente la superficie pittorica, anche se appena abbozzata, risulta ora libera dal pericoloso effetto di strappo dei materiali accumulatisi sopra, e le parti disegnate e ombreggiate da Leonardo emergono finalmente leggibili in maniera chiara, rendendo possibile una più approfondita lettura dei loro valori espressivi.

Per esempio, le alterazioni di questi materiali aggiunti ed alterati non originali sulla bellissima figura del pensatore, o Isaia secondo la lettura iconografica di Antonio Natali, appiattita dallo sbiancamento sono scomparse con un leggerissimo trattamento di pulitura e la potenza dei volumi e dell’espressione sono immediatamente riemerse. Ma è soprattutto nella parte alta che la nuova lettura dell’opera si afferma prepotente, rivelando un accenno sottilissimo del colore del cielo e rendendo percepibili a occhio nudo anziché solo in infrarosso le figure dei lavoratori che sono intenti alla ricostruzione del Tempio, elemento iconologico di grande importanza, così come la zuffa di cavalli e figure umane sulla destra. La presenza di queste tracce di velatura di colore locale, già evidenziata dalle prime indagini diagnostiche, è forse all’origine della patinatura con la quale, nei secoli passati, le si erano volute occultare, forse per conferire all’insieme l’effetto non di un non finito, ma di un voluto monocromo.

3 PRIMA DEL RESTAURO PARTICOLARE 1 LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli_0

 

4 DURANTE PULITURA LUCE VISIBILE Adorazione PARTICOLARE 1 A. LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

 

 

Questa delicata pulitura ha consentito anche di penetrare sempre più nel modo di lavorare di Leonardo, confermando l’interpretazione iniziale circa le varie fasi e materiali, ma arricchendola di nuovi elementi, esempi ed anche di interessanti problemi interpretativi. Significativi alcuni particolare nella comprensione del processo mentale di Leonardo che lavora secondo la propria ispirazione in maniera molto libera al di sopra di una, invece, rigorosissima impostazione prospettica dell’insieme. Il gruppo di teste sul lato sinistro mostrano con evidenza i vari possibili livelli durante il processo di costruzione delle immagini. All’estremità destra, invece, appaiono varie posizioni di una testa di cavallo, per la quale, evidentemente, il pittore non aveva ancora compiuto la scelta definitiva.
Come si rileva ovunque, molta materia aggiunta è stata ancora lasciata, in base alla impostazione teorica e tecnica della pulitura propria di questo Istituto, sia come livello di sicurezza, sia come “patina” della storia trascorsa. Il principio che ci guida, come è bene noto, è che la pulitura non deve porsi l’obiettivo di far tornare il dipinto come era da nuovo, una indimostrabile e pericolosissima pretesa dato che nessuno sa esattamente come esso apparisse e può condurre a danni irreparabili, ma quelli più ragionevoli di consentire una corretta lettura dei suoi significati e valori espressivi, sia pur con i segni del passaggio del tempo.

Alla fine, il dipinto di Leonardo dovrà apparire un dipinto non finito, antico, ma in buone condizioni sia materiche sia di leggibilità. A tale scopo, unitamente con il massimo rispetto della sua autenticità materica e formale, vanno tutti gli sforzi del team dell’Opificio al lavoro (restauratori, esperti scientifici, storici dell’arte) che, con un confronto continuo con la Direzione della Galleria degli Uffizi, con gli studiosi dell’opera di Leonardo e con il fondamentale sostegno degli Amici degli Uffizi, vede ormai prossima la conclusione di questa prima fase dell’intervento. I risultati ottenuti sono però di tale interesse e novità che, in ossequio al nostro principio di totale trasparenza, abbiamo ritenuto opportuno presentarli a tutti gli interessati.

 

 

7 DURANTE PULITURA LUCE VISIBILE Adorazione PARTICOLARE 2 A LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

8 DURANTE PULITURA IN LUCE UV Adorazione PARTICOLARE 2 B. LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

9 DURANTE PULITURA IN LUCE VISIBILE Adorazione PARTICOLARE 4 LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

9 DURANTE PULITURA IN LUCE VISIBILE Adorazione PARTICOLARE 4 LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

12 DURANTE PULITURA LUCE VISIBILE Adorazione PARTICOLARE LEONARDO DA VINCI Adorazione dei Magi ©2014 OPD foto Pino Zicarelli

Un dipinto di Angelo Inganni, pittore dell’Ottocento lombardo. L’opera non fu ultimata dall’artista, a causa della morte. Il pittore lavorava secondo le procedure accademiche. Preparava studi e bozzetti che trasferiva sul dipinto. Poi procedeva modularmente, su singoli blocchi, portandoli a finitura

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica