Home / News / Emanuele Dascanio – Seicento ore di disegno a matita per il quadro della Libertà. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Emanuele Dascanio – Seicento ore di disegno a matita per il quadro della Libertà. Il video


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Particolare di una delle più recenti opere dell'artista iperrealista Emanuele d'Ascanio

Particolare di una delle più recenti opere dell’artista iperrealista Emanuele d’Ascanio

L’artista Emanuele Dascanio, che ben conosciamo per una tecnica straordinaria nel campo del disegno, ha recentemente presentato alcuni lavori, tra i quali un ritratto di uomo e alcuni bodegones – nature morte di derivazione spagnola, così chiamate perché riprendevano gli scomparti delle botteghe – alla mostra International contemporary art – Punto sull’Arte Gallery, Collective Exibition: 15×15/20×20. Varese.
Interessanti sono stati tutti gli apporti, giunti dai protagonisti della neo-figurazione che erano stati chiamati a lavorare su opere quadrate di piccolo formato – 15×15 o 20×20 centimetri, appunto -. Dimensioni contenute e supporto quadrato rendono queste realizzazioni piccoli gioielli che impreziosiscono le case, siano esse arredate con minimalismo o con arredamenti più tradizionali.

Emanuele Dascanio nasce a Garbagnate Milanese nel 1983. Dopo essersi diplomato al Liceo Artistico Lucio Fontana di Arese, nel 2003 si iscrive all’accademia di Brera, sezione pittura. “Avendo appreso di vivere in un contesto decadente per la stessa pittura, la abbandona dopo sei mesi” è scritto nella sua nota biografica.
Continuando, però, a sentire il desiderio ed il bisogno di una crescita artistica, nel 2007 approda nello studio di Gianluca Corona, trovando in lui un valido maestro ed apprendendo la tecnica della pittura ad olio.
Ha partecipato a vari concorsi e mostre collettive a livello nazionale e internazionale, classificandosi ai primi posti.
Perfezionista di natura, Emanuele Dascanio ha dedicato molto tempo allo studio delle tecniche artistiche e alla ricerca di un continuo miglioramento nelle sue capacità pittoriche, prima di intraprendere l’attività espositiva.

 

 

 


 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista