Home / Arte Eros / Emil Schildt, come fare emergere fantasmi dal liquido amniotico della fotografia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Emil Schildt, come fare emergere fantasmi dal liquido amniotico della fotografia

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Fotografo danese, Emil Schilt è noto per la qualità estrema della sua ricerca che recupera l’onirismo surrealista e le visioni della psiche, attraverso un ritorno alla fotografia intesa come bagno amniotico e alchemico. L’artista utilizza infatti spesso procedure antiche per le pose delle sue modelle. Macchine ottocentesche, esposizioni lunghe, gelatina all’olio di bromuro e ritocco disegnativo del positivo. L’effetto si colloca al punto d’incontro tra la fotografia e il disegno come potremo osservare tanto nel primo quanto nel secondo filmato. Le fotografie in pagina ripercorrono una sequenza delle procedure seguite dal fotografo. In fondo alla pagina, invece, unfoglio del libro di tecnica fotografica scritto da Schildt


emil 1

emil 2

emil 3

emil 4

emil 5

Emil Schildt

LE PROCEDURE SEGUITE DAL FOTOGRAFO CON STAMPA IN BROMOIL

LE PROCEDURE SEGUITE PER IMMAGINI DI GRANDE FORMATO

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico