Home / Art food / Gualtiero Marchesi – Emilio Tadini e il nome delle cose, il nome scritto dà eleganza al piatto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gualtiero Marchesi – Emilio Tadini e il nome delle cose, il nome scritto dà eleganza al piatto

di Gualtiero Marchesi

gualtiero-marchesiRecensire Emilio Tadini comporta una particolarissima emozione. Perché Emilio è un amico. Perché mai come in questo caso l’operazione assume i contorni della piena reciprocità. Tadini ha dichiarato più volte il suo apprezzamento per le mie creazioni. In un’occasione ha scritto: “Con i grandi piatti – nella storia della cucina, della gastronomia, della tavola – si è sempre cercato di imitare una certa architettura sovraccarica di motivi decorativi. Costruzioni complesse, virtuosistiche, stupefacenti. I piatti di Gualtiero sembrano ispirarsi, invece, alla pittura. I volumi sono ridotti al minimo. Conta il disegno. Conta, soprattutto, il colore”. Ora tocca a me l’onore di omaggiare questo maestro contemporaneo. La coincidenza è splendida, quale migliore non ci poteva essere: parlo della straordinaria antologica che Milano – la mia e la sua Milano – gli dedica attualmente in quel tempio dell’arte che è Palazzo Reale. Anche il quadro che ho scelto è in mostra: si tratta di “Le figure le cose”. Figure e cose che diventano, nel mio piatto, “Il cibo la cucina”. Il parallelo non ha bisogno, credo, di ulteriori spiegazioni. Riaffiora l’eterna questione, il rovello filosofico attorno all’essere e alla sua rappresentazione, alla realtà “reale” e a quella visibile, raccontata, interpretata. Il nome delle cose, appunto. E la ri-creazione delle stesse, per intelligenza ed estro.

tadinimarchesi1

Nell’intervista che pubblichiamo nelle pagine precedenti, Tadini fa un’osservazione che mi ha colpito in modo particolare. Tutti parlano di me – dice in sostanza – nella mia duplice veste di artista e di scrittore, sottolineando il concetto di intertestualità; ma tale concetto è riduttivo. Penso al mio lavoro – aggiunge – piuttosto come ad un continuo staccarsi da un mondo per trasmigrare verso l’altro, e viceversa; e penso al librarsi magico dell’immagine. Non per nulla – poco prima – egli cita, tra i riferimenti fondamentali, la “mancanza di gravità” di Chagall; Chagall da cui partire, lungo tale percorso accidentato da separazioni recise e dilaceranti, per giungere, magari, nelle città delle cose della Pop art: e ritrovarvi, oltre la pesantezza oggettuale, il gusto frizzante della metafora. Un itinerario che s’accompagna a questo mio più recente: io che, partito da Chagall, dal lievissimo violinista fluttuante sopra un occhio d’oro, e transitato per Tadini, sono già proiettato – ne parlerò sul prossimo numero di “Stile” – verso il geniale pifferaio della Pop art, Andy Warhol, che pure ho avuto la fortuna di conoscere. Intanto, ho delineato il mio tributo ad Emilio ed al suo capolavoro, alla sua natura morta sbarazzina, che ascende al cielo su di un’invisibile scala di bava di ragno.

A come Aringa marinata su fetta di pane, B come Blinis e Burro affumicato, C come Calamaretti e Caviale, P come Panna acida: è la nomenclatura di un paesaggio combattuto tra solennità e turbolenza, avvinto dal filo tenace ed allappante del nero di mollusco, spezzato nei suoi volumi da segmenti che lo solcano scindendolo in scampoli geometrici. E i segmenti assumono sembianze diverse: filo tenero d’erba cipollina, o silhouette impeccabile di un prezioso coltello Robbe & Berking, teutonico rimando alla robusta posata raminga, balenante – tra beffa e sogno – nel quadro del mio amico Emilio Tadini.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Ascoltate in 2 minuti il celestiale concerto per bicchieri. La storia di una nobile tecnica

Tolouse-Lautrec pittore-gastronomo, le ricette del piccolo principe della Belle Epoque