Home / News / Entrate con noi nel magico castello di proprietà del poeta André Breton. Il video. Luogo meraviglioso
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Entrate con noi nel magico castello di proprietà del poeta André Breton. Il video. Luogo meraviglioso

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Fu un colpo di fulmine, nella notte, quando borgo e castello apparvero ad André Breton, che era in auto, illuminati da un bengala. Ne uscì l’ossatura vivida di un sogno pietrificato. Case medievali, torre, chiesa gotica sospesi dalla roccia imponente; e, sotto, il fiume sinuoso. Era il mese di giugno del 1950. Quando il fuoco artificiale si smorzò fino a lasciare una coda fumosa nel buio, il fondatore del surrealismo aveva deciso, innamorato, che la casa più bella del villaggio sarebbe stata sua, un giorno; e questo non per giocare uno status symbol, ma per aderire a una rivelazione, quella fatata e notturna che gli suggerì di pensare ad un luogo in cui coltivare i sogni, passare le vacanze, incontrare gli amici. E così fu.


Con la complicità della propria musa, la bellissima e triste Elisa Breton, il fondatore del surrealismo si informò e incontrò, in poche settimane, i venditori. In una Francia di una grandezza sterminata ciò è possibile ancor oggi, a prezzi non proibitivi. Un castello può costare, nel 2017, 500mila, 600mila euro, se distante dalle direttrici principali. Figuriamoci nel 1951. Così il poeta procedette all’acquisto e intervenne sull’edificio moderatamente, svolgendo i lavori strettamente necessari. E lì, in quel luogo favoloso – palazzo e torre, che risalgono al XII e XIII secolo – in un medioevo pietrificato, la coppia riceveva Max Ernst, Benjamin Peret, Léo Ferré Henri Cartier-Bresson, Man Ray, Juliette Greco. Saint Cirq, il borgo in cui sorge il castelletto di Breton, è attualmente classificato tra “i più bei villaggi di Francia” ed è stato anche indicato nel 2012 come “villaggio francese preferito.” Si trova a sud della Francia, nel Lot, nel Parco Naturale del Quercy, nella regione del Midi-Pirenei. Il piccolo paese – 222 abitanti – ha autonomia amministrativa e pertanto è riconosciuto dallo Stato come Comune.
Il castelletto passò nella mani della figlia di Breton, Aube, che lo vendette quindi a una coppia di ardisti i quali decisero, con il tempo di alienarlo. Si è così fatto avanti il Comune che lo ha acquisito per la cifra di 587.000 euro per acquisire la casa e che deve trovare 613.000 euro per il restauro, con il fine di trasformarlo in un centro dedicato a Breton e al Surrealismo. In questo intento, l’ente municipale è coadiuvato dall’associazione La Rose e dalla Fondazione Breton, che hanno promosso una sottoscrizione per raccogliere fondi.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

a femmes

Collezione d’erotismo: le eleganti opere di Jeanloup Sieff. Qui il video e i libri

a autentica

Quali sono i dipinti di un pittore che hanno maggior valore? Quali quelli che “crollano”