Home / News / Entriamo con il simulatore nel caffé di Arles dipinto da Van Gogh – Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Entriamo con il simulatore nel caffé di Arles dipinto da Van Gogh – Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

van

van gogh

Grande pittore di notturni – nei quali il suo genio visionario raggiunge eccelse vette di suggestione e di verità psicologica – Vincent Van Gogh, lasciata Parigi per il Midi, dipinse ad Arles, nel 1888 questa celeberima opera, oggi conservata nel Museo Kröller-Müller di Otterlo. E’ la “Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles” una tela (81 x 65,5 cm) dipinta a olio. Il punto di partenza fu un’atmosfera letteraria. Nella lettera al fratello Theo (n.543), scrisse infatti: ” (…) Finora non mi hai detto se hai letto Bel-Ami di Guy de Maupassant oppure no e cosa ne pensi del suo talento. Te lo dico perché l’inizio di Bel Ami contiene una descrizione di una notte illuminata di stelle a Parigi con i caffè vivacemente illuminati sul boulevard ed è pressappoco lo stesso soggetto che ho appena dipinto. (…)”.


Sotto il profilo stilistico, qui Van Gogh torna con il pensiero all’impressionismo e alle opere di Toulouse Lautrec (il quadro di Arles si configura come una splendida affiche), proprio con l’intento di cogliere, nel bar arlesiano, un intenso rinvio a un rimeditato angolo della capitale francese, ormai lontana. In questo video,grazie all’animazione con il programma Pinterest, partecipiamo all’esplorazione degli spazi del dipinto, anche da altri punti di vista.

http://www.youtube.com/watch/?v=-8IPIfUwu78

 

x

Ti potrebbe interessare

mccor

Quando la fantasia ridisegna la realtà. L’arte ironica e divertente di Rich McCor

a azure

Gioiosa Azure, il mare, il tuo corpo, la pura felicità di un luogo originario