Home / News / Escher. La grande mostra bolognese raccontata da Sergio Gaddi alla Biblioteca Salaborsa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Escher. La grande mostra bolognese raccontata da Sergio Gaddi alla Biblioteca Salaborsa

Escher

Dopo il grande successo della mostra che ha visto 200.000 visitatori nella tappa romana,  Escher inaugura e apre le porte del nuovo spazio espositivo di Arthemisia Group, Palazzo  Albergati Art Experience a Bologna dal 12 marzo fino al 19 luglio 2015.

QUI LA SCHEDA DELLA MOSTRA

A raccontare il visionario artista e incisore Maurits Cornelis Escher e le sue oltre 150  opere in mostra quattro presentazioni a cura di Sergio Gaddi che fanno parte del ciclo  dʼincontri I RACCONTI DELLʼARTE: lʼinnovativo programma di divulgazione culturale nato  per presentare in anteprima lʼarte e gli artisti protagonisti delle mostre di Arthemisia Group  al grande pubblico in modo dinamico, coinvolgente, conturbante e allo stesso didattico,  divulgativo, e dal voluto profilo scientifico.

Inaugura questo ciclo di incontri il racconto sulle opere di Escher che fanno parte a pieno  titolo del nostro immaginario collettivo: entrare in contatto con i suoi lavori significa  immergersi nei misteri enigmatici della logica geometrica, matematica e fisica del mondo  intero.

Dopo i primi tre appuntamenti dei giorni scorsi, l’incontro è in programma  il 27 febbraio a Bologna presso  lʼAuditorium Enzo Biagi della Biblioteca Salaborsa.

I RACCONTI DELLʼARTE sono una narrazione artistico-teatrale, organizzati nei luoghi  simbolo delle città italiane, che accompagnano lo spettatore in un viaggio nella vita, nel  contesto storico e nelle esperienze umane dei più grandi artisti di tutti i tempi.  Capita ancora troppo spesso che la storia dellʼarte venga percepita come una disciplina  per esperti, o per appassionati in possesso di strumenti per interpretarla.

Altrettanto spesso accade che la vita e la storia degli artisti – anche i più grandi – siano  osservate a distanza perché percepite appartenenti al passato. Ma la personalità di un  pittore è il suo capolavoro più vero, la chiave di volta per capire la sua arte ed emozionarci.

Con un accattivante e allo stesso tempo rigoroso racconto scientifico I RACCONTI  DELLʼARTE stimolano la partecipazione emotiva del pubblico attraverso spunti e  suggestioni che sono unʼutile chiave di lettura per la visita personale alla mostra.  Lʼapproccio degli incontri è arricchito da un supporto multimediale e, oltre alla spiegazione  delle opere, mette in gioco i sensi e le emozioni del singolo spettatore che poi sarà il  visitatore della mostra.

La narrazione a tratti anche colloquiale e ludica è incentrata sulla chiarezza espressiva e  comunicabilità dei contenuti.

La sfida di questo nuovo progetto è raccontare lʼarte in modo diverso, di avvicinarla e di  renderla piacevole, di coglierne gli aspetti più avvincenti per trasmetterla con tutta la  passione che merita.   Unʼesperienza affascinante ma al tempo stesso comprensibile, che  possa stimolare la creatività e trasformarsi in un valore aggiunto per lʼesperienza  quotidiana, aprendo nuovi e inaspettati orizzonti di conoscenza e di curiosità culturale.  Il primo ciclo de I RACCONTI DELLʼARTE è quindi dedicato a Escher, genio olandese  dellʼincisione e della grafica, noto in tutto il mondo per la straordinarietà delle sue visioni  impossibili.

Lʼincontro con Escher è un viaggio nella dimensione del sorprendente e  dellʼimprevedibile, un cammino dʼillusioni visive e di continue meraviglie, che merita di  essere percorso nel segno magnetico del mistero della vita.


PROGRAMMA DEL CICLO DI INCONTRI

> Bologna, 27 febbraio ore 17.00
Biblioteca Salaborsa
Auditorium Enzo Biagi, Piazza del Nettuno 3

Info e prenotazioni
06 915 110 55 – didattica@arthemisia.it

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico