Home / News / Ferrei splendori, antiche inferriate nel centro di Brescia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ferrei splendori, antiche inferriate nel centro di Brescia


di Dezio Paoletti

Se la pietra, nelle architetture del centro storico di Brescia, la fa da padrona, anche il ferro, pur se in tono minore, concorre ad esaltare le magnificenze decorative percepibili passeggiando lungo le vie cittadine. D’obbligo ovviamente gli utilizzi in tutti gli edifici per proteggerne le aperture o le sporgenze e i salti nel vuoto, come nei parapetti sui balconi o terrazzi. Meno diffusi invece gli impieghi meramente decorativi, e ormai completamente assenti le insegne dei locali pubblici, ancor oggi assai comuni nell’area franco-germanica. Quella delle insegne in ferro è una perdita assai grave. Sono probabilmente in gran parte finite nelle colate volute dal regime fascista per produrre i cannoni e le armi per una guerra dagli esiti infausti.

Il colpo di grazia è stato dato dalle rottamazioni post-belliche, alimentate da una sciagurata moda che ha proposto sistemi più “moderni”. Componenti in ferro si riscontrano anche in elementi più marginali come le lanterne, seppur rare, i portabandiere, in genere presenti all’altezza del primo piano, perfino a copertura di alcuni comignoli (impiego essenzialmente limitato, però, al periodo vantiniano o giù di lì). Una infinita varietà di disegni e tipologie si rileva invece nei sopraluce dei portoncini, soprattutto a forma di lunetta, ma anche sopra gli ingressi commerciali di maggior dimensione, ecc. Dal punto di vista decorativo il miglior utilizzo sembra riguardare le cancellate, diffusamente presenti negli androni dei palazzi cittadini. Godendo già del robusto sbarramento dei portoni lignei, tenuti chiusi nelle ore notturne, ci si poteva affidare di giorno a leggère protezioni interne in ferro. Tali strutture erano concepite quindi soprattutto come elementi ornamentali e pertanto caratterizzate da disegni riccamente elaborati e da una raffinatissima fattura. Se la cancellata e la balaustra a delimitazione del giardino di palazzo Martinengo da Barco, in corso Magenta, rappresentano uno dei più spettacolari esempi visibili nel territorio lombardo-veneto, è l’insieme delle cancellate interne dei palazzi bresciani a configurarsi come una suggestiva specificità cittadina.


x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica