Home / News / Raro filmato autentico di 47 secondi. Matisse al lavoro per realizzare i papiers collés
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Raro filmato autentico di 47 secondi. Matisse al lavoro per realizzare i papiers collés

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

a matisse copertina

 

Dopo la malattia che gli aveva tolto l’uso delle gambe, Matisse, nonostante non avesse ripreso l’uso degli arti inferiori, s’era rimesso rapidamente a creare. Si era fatto costruire una prolunga del pennello per poter dipingere tele poste contro il muro, mentre stava sdraiato a letto o era sulla sedia a rotelle. L’impedimento grave lo riportò a considerare con sempre maggior interesse il lavoro di forbici e colla. Non tanto come ripiego, ma come ulteriore risorsa.
a matisse foto

Il collage, composizione “inventata” dai cubo-futuristi all’inizio del XX secolo-per collage si intende, estensivamente un lavoro di composizione attraverso la colla, utilizzando anche più materiali, mentre per papier collé si intende l’uso esclusivo della carta ritagliata e incollata – aveva radici lontane. Matisse ricordava, ad esempio, i lavori delle suore o quelli dei bambini dell’asilo. Si trattava di operare in quella direzione, portando il gesto a una consapevolezza artistica. L’artista francese voleva riproporre i colori accesi e contrastanti dell’infanzia, gli antichi simboli ristoratori delle civiltà; rilanciarli all’uomo contemporaneo intristito da una società estremamente conflittuale e dai ritmi di lavoro innaturali. Intendeva esercitare un’azione terapeutica, attraverso il decoro, riportando l’arte a una funzione di sostegno dello slancio vitale e della gioia di vivere.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista