Home / News / Francesco Ascione, il metafisico
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francesco Ascione, il metafisico

Francesco Ascione detto "Pennelletto",Sacra Romana Chiesa, 2005, 80x100 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto “Pennelletto”,Sacra Romana Chiesa, 2005, 80×100 cm, olio su tela

“Io sono e sono definito un “metafisico”intendo la pittura oltre che un espressione di beltà sopratutto un mezzo di comunicazione e pertanto preferisco il soggetto all’oggetto – dice Francesco Ascione – La prima volta che ho usato, su tela, la pittura ad olio avevo 11 anni…non avevo nessun esempio o imprinting da rincorrere…credo che la mia pittura sia nata e cresciuta con me e in me naturalmente. Il periodo formativo, per la mia metafisica me, lo sono sviluppato,elaborato e sperimentato da me in 46 anni di pittura,nonostante io sia un “accademico” per formazione scolastica (sono un restauratore di affreschi) nella mia opera non troverà mai niente di nozionistico,naturalmente parlo dei lavori che ritengo espressione della mia linea pittorica, ho anche classicheggiato, ho sperimentato….ma solo per motivi economici, in alcuni momenti della mia vita.

Francesco Ascione detto "Pennelletto", Andros e Plasma,1982, 40 x50 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto “Pennelletto”, Andros e Plasma,1982, 40 x50 cm, olio su tela

Nell’ambito dell’arte, della filosofia, della politica, del cinema o della letteratura chi e quali opere hanno successivamente inciso, in modo più intenso, sulla sua produzione? Perché?

La problematica Sociale dell’Andros e ad ampio raggio la sofferenza del Plasma per le varie problematiche a livello mondiale di cui sono stato spettatore.

Francesco Ascione detto  "pennelletto", Gondolieri incazzati per la pioggia,1998, 40x50 cm olio su tavola - Vincitore del Premio Internazionale Pescetti a Firenze edizione 1998

Francesco Ascione detto “Pennelletto”, Gondolieri incazzati per la pioggia,1998, 40×50 cm olio su tavola – Vincitore del Premio Internazionale Pescetti a Firenze edizione 1998

Ci sono artisti o galleristi ai quali si sente legato da riconoscenza?

No non ho nessuno a cui dover dire Grazie o forse si….solo a me stesso.Un pensiero particolare va all’ Accademia San Marco che giovanissimo mi fece membro ad honorem (avevo 17/18 anni)

Francesco Ascione detto "pennelletto" - ultimo pezzo in progress- Isis ,70x100 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto “Pennelletto” – ultimo pezzo in progress- Isis ,70×100 cm, olio su tela

 

Materiali e tecniche. Ci può descrivere, analiticamente, come nasce una sua opera del periodo attuale, analizzandone ogni fase realizzativa, dall’idea alla conclusione?

L’idea in genere nasce dalla vita che mi circonda o dalla vita nel mondo ma soprattutto dalle emozioni o meglio dalle fonti che sono in grado di provocarmele.Per la tecnica :- tela,olio e tutti i materiali che possono “macchiare” la tela

Francesco Ascione detto "pennelletto" - ultimo pezzo in progress- Isis ,70x100 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto “Pennelletto”, Sacra Famiglia, 1996, 30×50 cm, olio su tavola

 

Progetti nell’ambito espressivo e tecnico?

L’unico progetto che ho sempre avuto è sempre stato un grandissimo affresco murale metafisico e forse ora ho i canali e le trattative giuste a Milano per realizzarlo a breve.

Francesco Ascione detto "pennelletto", Ritratto di Giacomino il piccolo diavolo, 2014, 30x40 cm, olio su tavola

Francesco Ascione detto “Pennelletto”, Ritratto di Giacomino il piccolo diavolo, 2014, 30×40 cm, olio su tavola

 

Ha gallerie di riferimento? Dove possono essere acquistate le sue opere?

I miei dipinti sono in gallerie di mezzo mondo: Boston, Avignone,Londra,Berlino altre che Firenze, Napoli o altre città italiane,ma ci sono finiti per vendita da parte di privati o per vie traverse che non conosco. Ho una totale chiusura a quello che è il mercato ufficiale e no dell’Arte. I miei dipinti si possono acquistare solo presso di me e solo alcuni che decido di vendere.

Francesco Ascione detto"pennelletto",Chiesa Grassa e senza pensieri, 2000, 100x120 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto”Pennelletto”,Chiesa Grassa e senza pensieri, 2000, 100×120 cm, olio su tela



Orientativamente, quali sono le quotazioni o comunque i prezzi delle sue opere, indicando le commisurazioni?

Dico alcuni prezzi massimi a cui ho venduto :- collezione privata Martine Dunierè Avignone 40×50 lire 3.ooo ooo nel 1985. Oggi i miei quadri e me li pagano indipendentemente al formato oscillano tra i 2000 e i 4000 Euro

 

Francesco Ascione detto "pennelletto", Migranti, 2011, 70x100 cm, olio su tela

Francesco Ascione detto “Pennelletto”, Migranti, 2011, 70×100 cm, olio su tela

A parte lei – che diamo come autore da acquisire – può indicarci il nome di colleghi di cui acquisterebbe le opere nel caso fosse un collezionista?

Di sicuro comprerei un Roberto Ferri primo periodo,un Ettore Aldo Del Vigo o dei messicani Ricardo Amezcua Cuspinera e Raul Barcelò e non disdegnerei nemmeno l’argentino Julio Beron.

 

IL VIDEO FACEBOOK DEDICATO A FRANCESCO ASCIONE DETTO PENNELLETTO

www.facebook.com/video.php?v=10203741092835394&set=vb.1460552023&type=2&theater

 

Indirizzi o numeri di contatto:

Telefono 349 6747585

asciofra@libero.it

Via dell’ Aiale 5, 59100, Prato, Po, Italia

 

 

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista