Home / Arte Eros / Francesco Hayez – Altri disegni erotici e torride confessioni dell’amante Carolina
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francesco Hayez – Altri disegni erotici e torride confessioni dell’amante Carolina

In una memoria del 1833, Carolina racconta di essere entrata nel 1823, come allieva e modella nello studio di Hayez, che era già un pittore di fama e che era sposato. La ragazza, che non rivela la data di nascita, dice soltanto di essere venuta alla luce a Milano nei primi anni del Secolo. Mentre lui aveva trent’anni, lei ne aveva una decina di meno. Il primo approccio sessuale è narrato da Carolina stessa. Lei stava posando per il pittore, quando lui si avvicinò e le accarezzò dolcemente i capezzoli. La ragazza fu percorsa da un brivido. Lui le chiese se avesse paura. Carolina le rispose che aveva soltanto freddo e Francesco si offrì di scaldarla, ma la modella gli obiettò che lui era sposato e l’artista le rispose che il suo rapporto matrimoniale era molto libero. Quindi scese con la mano tra le cosce di lei, che si irrigidì e sentì un po’ male. Hayez si ritrasse, poi riprese con lentezza ed eccitò la sua compagna, per poterla possedere.

ultimo bacio hayez

 

Carolina considerava il primo quadro per il quale aveva posato per Hayez – Qui sopra un particolare di quell’opera, l”Ultimo bacio dato a Giulietta da Romeo”, 1823, olio su tela Villa Carlotta, Tramezzo- come il manifesto del loro amore. La conferma dell’intensità erotica e sentimentale dei disegni di Hayez viene dalla testimonianza spudorata di Carolina Zucchi.

Alcuni dipinti nei quali si ritiene che la modella sia Carolina Zucchi, sono, tra gli altri, i seguenti

La Maddalena penitente. (1825) Civica Galleria d'Arte Moderna, Milano

La Maddalena penitente. (1825) Civica Galleria d’Arte Moderna, Milano

Betsabea al bagno (1834)

Betsabea al bagno (1834)

Ruth (1835) Collezioni Comunali d'Arte Antica, Bologna

Ruth (1835) Collezioni Comunali d’Arte Antica, Bologna

Odalisca sdraiata (1839) Collezione privata, Milano

Odalisca sdraiata (1839) Collezione privata, Milano

Francesco Hayez 2

Francesco Hayez 3

Francesco Hayez 4

Francesco Hayez 5

Francesco Hayez 7

Francesco Hayez

Clicca qui per accedere alla terza parte dell’articolo
x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico