Home / News / Francesco Maffei, La Visitazione
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francesco Maffei, La Visitazione

La ritrovata “Visitazione” di Francesco Maffei

La ritrovata “Visitazione” di Francesco Maffei

I temi e la poetica barocca riprendono l’idea dell’arte che è, che deve essere, mimesi, non la copia della realtà stessa. Lo “scopo” artistico non risiede, non può annullarsi inesorabilmente nello “sforzo” sterile di meglio imitare l’oggetto o il soggetto che si dipinge, ma deve rappresentarlo sul boccascena della fantasia, della interpretazione. Deve, la didattica dell’arte, insegnare emozioni, impressionare, essere inattesa quanto persuasiva. In ciò risiede l’originalità spiritata (solo recentemente rivendicata) del pittore Francesco Maffei, nato a Vicenza intorno al 1600, e morto a Padova nel 1660. L’artista, benché giovanissimo sia stato presso la bottega del manierista Alessandro Maganza, plasma il suo “fare” alla scuola veneta, ricollegandosi con spiritosa interpretazione ai modi del Tintoretto e ai valori coloristici del Veronese. I suoi temi sono prettamente evangelici: l’“Assunta”, la “Fuga in Egitto”, la “Visitazione” (Oratorio delle Zitelle a Vicenza), tema quest’ultimo ripreso anche nell’opera qui presentata, una tela ad olio che sfoggia squillanti contrasti coloristici insieme a brioso ordito pittorico. L’artista vicentino lavorò dapprima a Venezia, quindi a Vicenza sua città natale e, raggiunta la maturità, anche a Brescia dove realizzò il quadro qui analizzato, databile tra gli anni 1645/48. Il dipinto, di forma ellissoidale (132×207 cm), decorava il volto di una chiesetta privata sita nei pressi di Toscolano, sul lago di Garda, all’interno di un palazzo signorile.

“La Visitazione” è rimasta collocata nel luogo della primigenia committenza per più di tre secoli e mezzo, senza mai traslocare. La composizione manifesta a pieno l’idea che l’arte deve essere il prodotto dell’immaginazione, perché senza l’immaginazione non c’è salvezza. Il Maffei ribadisce con evidente intento che credere e immaginare la salvezza significa stare al di là del quotidiano. A questo aspirava la filosofia controriformista e barocca, a ciò mirava quell’era “disperatamente in crisi”. Questo cerca, realizza e asseconda Francesco, dimostrando di avere compreso la sapiente lezione del passato e di aver ben interpretato il suo presente, un momento storico, quello contemporaneo all’esistenza del Maffei, che, ad ogni costo, volle superare il “limite”. Il pittore ben sapeva che “senza l’immaginazione tutto è piccolo, chiuso, limitato (Giulio Carlo Argan). Francesco era consapevole del valore infinito della fantasia, della creatività, e si prodigò nel realizzare appieno quelle complesse inscenature che spesso nemmeno rifuggono da accenti grotteschi. Il Maffei coniugò nella sua arte la concezione barocca che fortemente volle fondere elementi reali e situazioni fantasiose, improvvise ma possibili. Nulla a che vedere con lo stanco e retorico repertorio di certo Manierismo. La sua pittura reagisce alla grave crisi in atto, già denunciata dal Vasari allorquando pubblica le sue “Vite”: è nervosa, veloce, geniale. L’operare suo fantasioso non è tale in sé, ma è per mezzo del soggetto che si avvicina alla realtà, ne compie l’esperienza e, quindi, può vedere al di là della cosa in sé, la mette, questa realtà-irreale, in relazione col tutto, dentro ad un tempo e ad uno spazio più vasti, universali. Ecco quindi che l’artista riesce ad accompagnare alla virtuosistica evidenza realistica della sua pittura, la figurazione immaginifica che trascende, interpreta, trasogna e dà “altro”.

I cieli s’aprono alla visione del santo, ma qui, è evidente, viene chiarito con acutezza il tipo di tessuto usato; là, l’architettura, anche se solo rappresentata, rivela l’ambito, dichiara l’habitat. E la luce che batte, che plasma ogni cosa e fa vedere, rivela gli arcani segreti di un codice antico, oggi ormai perduto. Nell’opera del pittore di chiara formazione veneta poco si vede la mera “esaltazione dei moti fisici e spirituali oltre ogni norma di classica contenutezza” che la critica neoclassica accusa nella produzione secentesca. Anche in questa riuscitissima opera non si scorgono, come nelle altre due conservate nella Basilica Minore di Verolanuova: “L’ultima cena”, posta nel transetto a sinistra della chiesa, e “L’angelo custode”, “l’ampollosità e il desiderio di meravigliare con spettacolose, illusive scenografie e invenzioni stravaganti (E. Carli – G.A. Dell’Acqua). Lì non si legge la vuota enfasi del “barocchismo” quando cerca, con troppa insistenza, il movimento che diventa concitazione, quando vuole la contorsione delle forme e dei sentimenti, quando spalanca visioni celesti popolate di svolazzanti personaggi simili più a comparse che a presenze, bensì si possono godere gli esiti di un’alta, colta e coinvolgente poesia. Nella “Visitazione” del Maffei, ora conservata nella Bassa bresciana, è assolto a pieno il grande compito imposto agli artisti dal cattolicesimo trionfante della Controriforma, che volle interpretare “quel sentimento di sicurezza e di gerarchico dominio della Chiesa, quello smodato desiderio di ‘gloria et honore’, e quindi d’azione” che fu vera “vittoria tanto della forza umana, come della grazia divina” (Briganti).

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video