Home / Gli animali nell'arte / Francisco de Zurbaran – Non fate del male al povero agnello rassegnato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francisco de Zurbaran – Non fate del male al povero agnello rassegnato


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995
Il volto da cucciolo, un’espressione umana di dolore e di consapevolezza. Di rassegnazione al destino. L’opera di Zurbaran che rappresenta l’agnello sacrificale – e pertanto l’immagine di Cristo, Agnello di Dio, immolato – è dolce, intensa. Invita alla compassione. Non è incongruente, sotto il profilo simbolico, che il pittore abbia dipinto, su un soggetto così giovane, corna che paiono inadatte alla giovane età dell’animale.. E’ un richiamo al capro espiatorio, all’animale immolato per offrire sangue al cielo.Zurbaran invita alla pietà, alla compassione nei confronti dell’Altro e pertanto di Cristo.
Di Francisco de Zurbarán si conosce, come per Caravaggio, che fu il suo autore di riferimento, la data del battesimo (7 novembre 1598), ma non quella di nascita. Il “Caravaggio spagnolo” aveva dodici anni quando, lontano dalla Spagna, a Porto Ercole, sull’Argentario, Italia, moriva Michelangelo Merisi. Ma in breve l’arte del lombardo, così intensa e in linea con i dettati della Controriforma austera di San Carlo Borromeo, si diffuse in tutta Europa attraverso copie, imitatori o il gruppo nutrito di caravaggisti. Fu, soprattutto, intenso interprete di soggetti religiosi, ma dipinse anche nature morte o, animali simbolici, come l’Agnus Dei, che rappresenta il sacrificio di Cristo. La sua pittura si caratterizza per la ieraticità dei personaggi, per il netto e tagliente contrasto tra luce ed ombra, per la monumentale compostezza dei suoi personaggi che paiono ritagliati nel nulla. Dopo un periodo di successo, il suo talento fu offuscato – anche per un progressivo mutamento del gusto, da parte del pubblico, e per il prevalere, nella Chiesa, di un orientamento più sentimentale nei confronti della narrazione pittorica – da quello di Murillo. Zurbarán morì in povertà, dimenticato, nel 1664, a Madrid.

NEL FILMATO UN  VIAGGIO TRA LE OPERE DI Francisco de Zurbaran

I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI Francisco de Zurbaran, CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRA.

Prima fonte di rilevamento:

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=farncisco+de+zurbaran


Seconda fonte di rilevamento:

www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=%22francisco%20de%20zurbaran%22

 

x

Ti potrebbe interessare

Cappella Tornabuoni, Nascita della Vergine

5 cose da sapere su Ghirlandaio

stendhal

Sindrome di Stendhal – Perché si soffre della sindrome di Stendhal?