Home / Arte Eros / Francois Boucher, le toilette delle signore che i signori non dovrebbero mai vedere (1740-1760)
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francois Boucher, le toilette delle signore che i signori non dovrebbero mai vedere (1740-1760)

François Boucher, Toilette intime, 1741

François Boucher, Toilette intime, 1741

La prima volta che il bidet viene citato ufficialmente è il 1726, quando un’aristocratica riceve nella propria camera il Marchese d’Argenson. Lei,  a cavallo del nuovo strumento sanitario, è intenta tranquillamente all’igiene intima, come riferisce Diderot ne “I gioielli indiscreti“, romanzo libertino in cui le parti intime delle signore sono dotate di parola e raccontano ciò che le loro “proprietarie” non vorrebbero né mai potrebbero dire. Nel 1748 Jean-Baptiste de Boyer nel libro ” Thérèse philosophe” gli dedica un intero capitolo, mentre De Sade nella Filosofia nel boudoir è contrario all’uso del bacile sagomato perchè attenuerebbe il desiderio erotico. Comunque sia, il bidet – parola francese che indicava anche il pony, perche le donne lo cavalcavano, come fosse, appunto, un cavallino – è un’invenzione tutta rococò, comoda evoluzione di una bacinella, sagomato secondo la forma del numero 8.  Verso la fine del Settecento il mobiletto portatile, che pareva un cavallino per bambini è presente in tutte le case ricche d’Italia e di Francia. E per due motivi: l’igiene intima, che viene molto curata – a differenza di quanto si è ritenuto per molto tempo – e la presunta funzione anticoncezionale dei lavacri, affrontati spesso con una miscela di acqua e aceto, con il fine di eliminare il pericolo di una gravidanza,  Francois Boucher, grande cantore del Settecento libertino, conduce i voyeur a guardare nel buco della serratura. Evidentemente non tutte le donne sono spudorate come la signora che riceveva nella propria stanza, mentre faceva le abluzioni. I maschi vogliono vedere; vogliono sorprendere la donna sola, nell’intimità; vogliono conoscerne i segreti. E Boucher non si risparmia. Dalla toilette con il bidet al cambio delle calze, dai bisogni corporali al trucco del viso. Ecco. Seguiamolo

François Boucher, Toilette, 1742

François Boucher, Toilette, 1742

bouch 7

 

François Boucher, La Toilette intime (Une femme qui pisse) 1760

François Boucher, La Toilette intime (Une femme qui pisse) 1760

 

boucher toi

 

boucher avanti e dietro

 

boucher giarrettiere

 

François Boucher, La Mouche ou Une dame à sa toilette 1738

François Boucher, La Mouche ou Une dame à sa toilette 1738

 

Anonimo La Toilette intime, incisione, 1765 circa

Anonimo La Toilette intime, incisione, 1765 circa

 

 

Francois Eisen. La toilette intime, secolo XVIII

Francois Eisen. La toilette intime, secolo XVIII

Louis-Léopold Boilly, La Toilette intime ou la Rose effeuillee

Louis-Léopold Boilly, La Toilette intime ou la Rose effeuillee

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista