Home / Gli animali nell'arte / Gabrielle e Boldini, giochi erotici e sensualità svelati dai quadri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gabrielle e Boldini, giochi erotici e sensualità svelati dai quadri

 

 

GIOVANNI BOLDINI, Primizie - Le prime fragole, 1874, olio su tela, 17 x11 cm, collezione privata

GIOVANNI BOLDINI, Primizie – Le prime fragole, 1874, olio su tela, 17 x11 cm, collezione privata

 

Gabrielle de Rasty, l’amante-modella bruna che avrebbe mostrato se stessa senzaf in nel profondo della propria carne, durante le operazioni di toilette, e che si sarebbe fatta cosi ritrarre, da Boldini, in un movimento di massima spudoratezza, appare anche in altri dipinti all’apparenza più castigati, ma densi di sensualità. In Primizie è al centro del grande rigoglio della natura. E’ il momento in cui tutti i frutti del sottobosco giungono a maturazione, mentre l’uva, ancora acerba, promette un altro dovizioso raccolto posticipato di qualche mese. La fantesca, in un viluppo vegetale, porge a Gabrielle un cesto di frutti del sottobosco (Il quadro si intitola infatti Primizie – Le prime fragole). Se qui Boldini reinterpreta un analogo austero soggetto di Odoardo Borrani, dipinto nel 1868, in Toscana, in verità rilancia grandiosamente il momento attraverso un’accensione assoluta dei sensi. Gabrielle porta infatti con voluttà il frutto alla bocca.

GIOVANNI BOLDINI, L’amico fedele, 1874, olio su tavola, 24 x 14 cm, collezione privata

GIOVANNI BOLDINI, L’amico fedele, 1874, olio su tavola, 24 x 14 cm, collezione privata

Particolare attenzione va prestata, nell’ambito di allusioni erotiche, a L’amico fedele, olio su tavola dipinto nel 1874, periodo nel quale i pittori francesi lavoravano intensamente sulla linea dell’Impressionismo. Le piccole pantofole della donna, una delle quali parzialmente scalzata, rinviano esplicitamente a Boucher e Fragonard, pittori del Settecento francese che si erano misurati con la pittura erotica e avevano spesso giocato, in una cornice feticista, sul rapporto tra le calzature e il piede avvolto da calze di seta. L’abbraccio con il cane ha il potere evocativo di suscitare il pensiero di altri abbracci, per l’intensità del contatto con le morbide forme della modella

 

boldini contessa de rasty sdraiata

 

 

 

 

BOLDINI DIPINSE NUDA LA CONTESSA DE RASTY. IN UN’IMMAGINE DI GRANDE EROTISMO LA RITRASSE ANCHE DI SCHIENA MENTRE SI ASCIUGAVA VIGOROSAMENTE LE PARTI INTIME. PER VEDERE QUESTA IMMAGINE INGRANDITA, CLICCA LIBERAMENTE SUL NOSTRO LINK GRATUITO DEDICATO A BOLDINI EROTICO, QUI SOTTO

 

http://www.stilearte.it/boldini-segreto-erotico-esplosivo/

 boldasciuga

 

 

 

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico