Home / News / Gaspare Traversi, il primo fotografo di scena
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gaspare Traversi, il primo fotografo di scena


Gaspare Traversi, La lezione di musica.  La figura in primo piano a destra ritrarrebbe il compositore Nicola Antonio Porpora, autore della Ballata a voce sola di cui è rappresentato nel quadro lo spartito. Il colore dell’abito alluderebbe quindi al nome del musicista. Il flauto traverso a sinistra sarebbe invece la firma figurata del pittore

Gaspare Traversi, La lezione di musica.
La figura in primo piano a destra ritrarrebbe il compositore Nicola Antonio Porpora, autore della Ballata a voce sola di cui è rappresentato nel quadro lo spartito. Il colore dell’abito alluderebbe quindi al nome del musicista. Il flauto traverso a sinistra sarebbe invece la firma figurata del pittore


Pittura con scene di genere” è definizione data dai critici alle tele che raffigurano frammenti di vita familiare e quotidiana. I lavori del partenopeo Gaspare Traversi (1722-1770) rientrano pienamente in questo ambito: l’artista non tralascia nulla del variegato mondo borghese dell’Italia settecentesca. I suoi dipinti sono stati interpretati come riproduzioni di sequenze dell’opera buffa a lui coeva, giacché è possibile evidenziare la netta coincidenza fra i soggetti di alcuni quadri e i titoli di altrettante commedie per musica, imperniate sulla polemica sociale, messe in scena a Napoli nel XVIII secolo. L’ipotesi, ripresa da Alessandro Ratti nel volume Luci, arte e “lumi” nel Settecento tra Parma, Napoli e Roma, edito da Mazzotta, troverebbe conferma nella Lezione di musica, realizzata tra il 1750 e il 1752: si tratterebbe della trasposizione pittorica di un episodio d’un libretto scritto da Pietro Trinchera per un’opera rappresentata al nuovo Teatro di Napoli, il futuro San Carlo, a partire dal 1738. Protagonista è una vedova che, travestita da cantante, tenta inutilmente di catturare l’attenzione di alcuni gentiluomini rapiti dal fascino della giovane figlia. “Fotografo di scena” ante litteram, Traversi avrebbe riportato sulla tela un momento dello spettacolo. Tra il 1753 e il 1755, l’artista lavora ad un’altra Lezione di musica, celebre parodia della nuova borghesia boriosa ed incolta.

Il dipinto è stato realizzato mediante un sapiente gioco di fonti di luce: la cantante pare rivolgersi ad una superficie riverberante, come se stesse guardando il proprio viso riflesso allo specchio. Il quadro allora sarebbe un’abile “mise en scène” di ritratti, ed è plausibile che la firma del pittore venga resa in modo ironico nella sottile citazione, in forma di rebus, del “flauto traverso”, allusione al proprio cognome. Osservando l’opera, scorgiamo a sinistra quattro figure: la cantante, seduta al clavicembalo, e tre suonatori, disposti a semicerchio intorno a lei. Sul lato opposto altri cinque personaggi, di cui due intenti a conversare in secondo piano, due effigiati dietro lo strumento – il maestro che volta le pagine ed un astante visibilmente attratto dalla donna – ed uno in primo piano, dall’espressione assorta. Quest’ultimo è stato riconosciuto come l’autore della musica eseguita, la Ballata a voce sola. Per capirlo basta guardare le persone intorno al clavicembalo, in particolare quelle che rivolgono gli occhi allo spartito. Due sono state individuate: il maestro, identificato come Paolo Boi, e l’uomo pingue vestito di rosso porpora. Non si tratta di una semplice coincidenza: il colore dell’abito allude al nome del compositore della Ballata, il napoletano Nicola Antonio Porpora. Probabilmente un omaggio di Gaspare Traversi al proprio illustre concittadino.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Von Bayros, come facevamo l’amore ai tempi di D’Annunzio. Dai veleni liberty al sesso nel pineto

Bella e Chagall – L’amore non è amore se non ci si sente ardere e volare. L’autobiografia di Bella