Home / News / Gianluca Biasi, la forma dinamica dell’astrattismo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gianluca Biasi, la forma dinamica dell’astrattismo

Stile Arte intervista Gianluca Biasi, insignito del primo premio, sezione pittura, under 25, del Premio Nocivelli

Gianluca Biasi, Ziz Zag, 2013, accrochage su cartoncino, 100x70 cm

Gianluca Biasi, Ziz Zag, 2013, accrochage su cartoncino, 100×70 cm

Iniziamo con una breve scheda anagrafica. Sotto il profilo della produzione artistica può immediatamente specificare il suo orientamento stilistico ed espressivo?

Sono Gianluca
 Biasi. Sono nato a Mottola, in provincia di Taranto, nel 1990. Sono studente del corso di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Bari.
 Sotto il profilo dell’espressione artistica sono orientato all’Astrattismo geometrico (Concretismo, Hard Edge Painting, Minimalismo).

Nell’ambito dell’arte, della filosofia, della politica, del cinema o della letteratura chi e quali opere hanno successivamente inciso, in modo più intenso, sulla sua produzione? Perché?
La mia produzione risulta essere maggiormente influenzata dalle opere di Max Bill ed Ellsworth Kelly, ma anche di artisti come Bruno Munari, Daniel Buren, Frank Stella, Sol LeWitt. Ciò che mi affascina di queste personalità è la versatilità della loro ricerca, sempre attuale e capace di abbattere gli steccati tra Arti applicate, Archittettura e Belle Arti.

Può analizzare nei temi e nei contenuti l’opera da lei realizzata e presentata al Premio Nocivelli, illustrando le modalità operative che hanno portato alla realizzazione?

Zig Zag manca di qualsiasi riferimento tematico e, poggiando unicamente sull’interazione tra forma e colore, mira a una definizione razionale dell’immagine. Dal punto di vista della tecnica, l’opera è un accrochage (aggancio): essa consta di diversi cartoncini colorati, ritagliati secondo moduli quadrangolari e poi uniti tra loro per creare una precisa struttura. Il dinamismo e il dualismo fra simmetria e asimmetria degli elementi geometrici, però, conferiscono alla composizione una continuità spaziale che sembra superare i limiti fisici del quadro.

Indirizzi di contatto
gianlucabiasi90@gmail.com

IL REGOLAMENTO, IL MONTEPREMI E LE OPPORTUNITA’ OFFERTE DAL NUOVO BANDO DEL PREMIO NOCIVELLI. CLICCA QUI SOTTO

http://www.premionocivelli.it/home.pag

SE HAI GRADITO QUESTO SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista