Home / News / Giovan Battista Moroni quotazioni gratis. Pittori bergamaschi in ripresa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Giovan Battista Moroni quotazioni gratis. Pittori bergamaschi in ripresa

La luce perlata dei suoi quadri – quel grigio prezioso che consente di innalzare, per contrasto gli accordi cromatici – discende dal suo maestro, Moretto, e da Foppa. Giovanni Battista Moroni (circa 1520-1579) fu un ritrattista eccezionale perché non addomesticò mai, come invece era uso nell’ambito dei ritratti compiuti nelle capitali, il proprio pennello ad operazioni di chirurgia estetica. Dal prognatismo posturale del dialetto, che s’aggruma sul mento dei suoi soggetti bergamaschi e bresciani a una rude incapacità di tanti nobili di provincia di occupare l’abito con scioltezza; dalle cisti deturpanti al centro della fronte a certi strabismi estremi, mica corretti, nemmeno di un filino, rivelano la domanda e l’offerta di verità, a volte impietosa, come sanno esserlo i veri contadini. Il pittore è sempre armato dalla comunità in cui opera; bergamaschi e bresciani volevano vedersi com’erano e non come avrebbero potuto immaginarsi. Ed eccoli serviti.

Un grande rilancio dell’autore bergamasco è avvenuto in seguito alla mostra (2014-gennaio 2015) allestita alla Royal Academy of Arts (fino al 25 gennaio 2015) forte di una quarantina di prestiti – tra cui Il sarto, un capolavoro della maturità, nella collezione del museo londinese -, posti fianco a fianco, in una sala dedicata, i ritratti dell’alta aristocrazia bergamasca, dalle poetesse Isotta Brembati (1555) e Lucia Albani, ai loro rispettivi mariti, ripresi in piedi con la spada: Gian Gerolamo Grumelli, detto l’ ‘uomo in rosa’ e Faustino Avogadro, il primo di fede filoveneziana, il secondo filospagnolo. In mostra anche opere religiose, tra cui tre grandiose pale d’altare (nel 1575 Moroni è incaricato da San Carlo Borromeo di ‘rifrescare’ alcune chiese della bergamasca) e un gruppo di dipinti pensati per la devozione privata (Un gentiluomo in adorazione davanti al Battesimo di Cristo)”. La mostra londinese ha attirato l’attenzione dei collezionisti internazionali sulle verità della pittura bergamasca e bresciana, che costituisce un unicum nell’ambito del realismo, tra Cinquecento e Settecento

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, SEMPRE AGGIORNATI, DELLE OPERE DI GIOVANNI BATTISTA MORONI, DELLA SUA SCUOLA, DELLA SUA CERCHIA E DEI SUOI EMULI. DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. CLICCATE PRIMA SU UN LINK, POI SULL’ALTRO PER AVERE IL QUADRO COMPLETO. E’ CONSOLIDATO IL FATTO CHE, NEL TERRITORIO DEL PITTORE, LE QUOTAZIONI SALGANO PER EFFETTO DELLA RICHIESTA DEL COLLEZIONISMO LOCALE

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=giovanni+battista+moroni


www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=giovanni%20battista%20moroni

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista