Home / Arte Eros / Giulia Salemi e il red carpet di Venezia. Il nuovo stile del corpo aggressivo. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Giulia Salemi e il red carpet di Venezia. Il nuovo stile del corpo aggressivo. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

La trasformazione di leziosi abiti da spiaggia in abiti da sera o da grande occasione, rende sempre più in vista il corpo della donna, proprio mentre istanze di negazione dell’immagine femminile giungono dal mondo arabo. Ciò che risulta singolare, in questa vicenda – ma pure non causale – è che una delle principali interpreti di questa nuova tendenza sia una Giulia Salemi, padre italiano e madre iraniana. L’Iran è certamente il Paese musulmano in cui la ribellione della donna ai modelli imposti è più acuto. Ma è pure un segnale da non sottovalutare, quello che è avvenuto sul tappeto rosso del festival del Cinema, a livello di superamento del concetto di pubblico pudore.

a giulia salemi

Terza a miss Italia nel 2014, di professione modella e presentatrice televisiva, Giulia è alta 1.75, capelli castani, occhi marroni ed è nipote d’arte: la nonna Giuliana Barbieri è stata a sua volta Miss. Si definisce permalosissima e adattabile a qualsiasi situazione e come sport pratica la danza, il pattinaggio, lo sci e la boxe.


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico