Home / News / Giuseppe Zocchi: Giocando a volàno tra le rovine
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Giuseppe Zocchi, Il volano, 
olio su tela, 54x60,5 cm, 1751
Giuseppe Zocchi, Il volano, olio su tela, 54x60,5 cm, 1751

Giuseppe Zocchi: Giocando a volàno tra le rovine

di Enrico Giustacchini

UN QUADRO IN 30 RIGHE – Fu il marito di Maria Teresa d’Austria, il granduca di Toscana Francesco Stefano di Lorena, a commissionare a Giuseppe Zocchi questa tela, una delle sei di una serie dedicata ai Giochi (le altre avevano per soggetto L’altalena, Il pallon grosso, Il tiro con l’arco, Il biliardo e La pallacorda), destinata alla reggia viennese. Si trattava in realtà di modelli ad olio – modelli di eccellente qualità formale e compositiva -, poi tradotti dagli abilissimi maestri artigiani della fiorentina Galleria dei Lavori (così era chiamato nel XVIII secolo l’Opificio delle Pietre Dure) in pannelli a commesso litici, che rispecchiavano fedelmente il dipinto.


Il volano – eseguito nel 1751 – ci mostra un uomo e una donna vestiti con eleganza, impegnati in una deliziosa partita all’aperto, in uno scenario dominato dalla solennità di antiche rovine, che delimitano l’improvvisato campo di gara. Altre due coppie presenziano alla performance. Il fervore agonistico dell’incontro e la partecipazione della tifoseria risultano invero piuttosto modesti, almeno secondo i nostri standard di pratica e di passione sportiva.

Prevale semmai nel quadro di Zocchi una visione rasserenata tutta settecentesca – di un Settecento garrulo e leggiadro, vergine del benché minimo sospetto di quanto accadrà nel mondo di lì a qualche decennio -; una visione che, come annota con acume González-Palacios, “ci appare incantevole, una sorta di commemorazione lirica della creatività e dell’estro artistico, degli elementi, dei giochi, dei sensi, delle età dell’uomo, delle stagioni, dei continenti: summa del piacere di esistere e delle mutazioni del tempo e della vita, osservata con un sorriso saggio, ludico, più che frivolo. E’ questa una narrazione dell’epoca prerivoluzionaria in cui ognuno sembra contento di quello che è”.

Giuseppe Zocchi, Il volano,  olio su tela, 54x60,5 cm, 1751

Giuseppe Zocchi, Il volano,
olio su tela, 54×60,5 cm, 1751

 

 

GIUSEPPE ZOCCHI, CLICCARE QUI SOTTO PER LE QUOTAZIONI SEMPRE AGGIORNATE DA NUOVI ESITI D’ASTA, DEI QUADRI, DEI DISEGNI E DELLE INCISIONI DI GIUSEPPE ZOCCHI, DEI SUOI SEGUACI E DELLA SUA SCUOLA

http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=giuseppe%20zocchi

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista