Home / News / Giverny, 600mila turisti nella casa e nel giardino di Monet. Candidatura Unesco. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Giverny, 600mila turisti nella casa e nel giardino di Monet. Candidatura Unesco. Il video

La regione della Normandia ha chiesto che Giverny, la casa e il giardino di Monet siano riconosciuti come patrimonio come zona di patrimonio dell’umanità. Il luogo è infatti il ​​secondo sito più visitato in Normandia dopo il Mont-Saint-Michel con un record di 627.000 visitatori nel 2014. I turisti provenienti da tutto il mondo affollano da anni le strade del piccolo borgo. E’stato nel 1883 che l’artista ha scoperto questo villaggio di 200 abitanti, situato nel dipartimento di Eure. Ha poi lavorato per costruire il giardino, lo stagno e riqualificare la casa. Dopo la morte del pittore, avvenuta nel 1926, il giardino non fu curato più come un tempo e la natura selvatica rioccupò quegli spazi per i quali Monet aveva lavorato personalmente, per tanti anni, in quanto Giverny non era concepito come uno luogo decorativo ma come un quadro vivente. Negli anni Settanta il salvataggio della proprietà è affidata a Gerald Van der Kemp, che fece appello agli sponsor per integrare il bilancio dell’Accademia di Belle Arti e il Consiglio generale del Eure. Un giovane giardiniere di nome Gilbert Vahe, formatosi alla Scuola Nazionale di Orticoltura, dedicherà il suo tempo per far rivivere giardino di Monet, secondo quadri, disegni, fotografie, diari, annotazione del maestro.

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come può questo disegno girare la testa verso di voi mentre camminate? Video

Sai cos’è l’impressionismo musicale? Il pomeriggio di un fauno di Debussy. Musica e danza. Il video