Home / Art food / Gualtiero Marchesi: le parole dentro il piatto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La “trilogia della scrittura” di Gualtiero Marchesi
La “trilogia della scrittura” di Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi: le parole dentro il piatto

di Gualtiero Marchesi

Stavolta mi sono proprio divertito. Ho ideato una serie di piatti il cui filo conduttore è la scrittura. Parole o segni grafici ad attraversare la campitura, come nelle opere degli artisti della Poesia Visiva.

Il primo piatto è un riso al profumo di mare, cotto cioè in brodo di pesce. Con una salsa al nero di seppia vi ho vergato un grande ecce seguito dai puntini di sospensione. L’ecco latino o, invece, l’inizio di eccellente, ossia una rassicurante strizzatina d’occhi a chi si appresta all’assaggio? Lascio a voi la risposta: ripeto, il divertimento non è estraneo a queste composizioni.

Il secondo piatto è una crème brûlée, con un bel punto interrogativo di salsa al cioccolato. Il mistero, l’enigma. Lo risolverete solo mangiando.


Il terzo piatto è una variante del secondo. Ancora crème brûlée, ma la scritta, fine, è in rosso, e l’inchiostro è salsa di lamponi. Qui il significato è inequivocabile: si tratta della settima ed ultima portata del mio menù degustazione. Il settimo sigillo. Siamo alla fine, dunque. Come al cinema, il pubblico è avvisato.

La “trilogia della scrittura” di Gualtiero Marchesi

x

Ti potrebbe interessare

Collage di Dali per le Ricette di Gala, oggi riedito da Taschen

Salvador Dalì – Ossessione del cibo, ricette afrodisiache, compulsioni gastro-erotiche

a risto

16mila persone in lista d’attesa per cenare nel ristorante in cui si mangia nudi