Home / Art food / Gualtiero Marchesi: “Poetico savarin”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gualtiero Marchesi: “Poetico savarin”

di Gualtiero Marchesi


Ora è la volta della rinfrescante placidezza dei fossi ombrosi ad offrirmi spunto creativo. Fosso uguale verzure, rifugio della ranocchia; fosso uguale steli onusti di grani, e liquidi immoti.
Io ho acciambellato un savarin di risotto non mantecato, realizzato con riso integrale. Dalla cavità centrale ho fatto emergere alcune coscette di rana. Intorno ho diffuso una salsa chiara, a base di burro e crescione.
Una composizione plastica, insomma, una scultura che si potrebbe forse definire un piccolo “monumento” ai mille angoli nascosti della natura, all’incanto di scorci quieti che il progresso frenetico rischia di farci dimenticare. Un “monumento” fluttuante sul fiore di quell’“acqua” luminosa, ed al tempo stesso abbarbicato alle radici del mondo, metaforicamente espresso sotto le forme impavide di un piatto cinese.

 

Savarin rane

La creazione di Gualtiero Marchesi

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista