Home / Aneddoti sull'arte / James Whistler e John Ruskin: guerra fra pittore e critico
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

440px-James_Abbot_McNeill_Whistler_006 ape

James Whistler e John Ruskin: guerra fra pittore e critico

ARTE E DIFFAMAZIONE Ecco uno dei casi più curiosi e clamorosi del pennello al servizio della pubblica denigrazione.

QUI gli altri casi che coinvolsero i maestri dell’arte

Nel 1877 il pittore americano James Whistler, esponente del realismo, conosciuto per il quadro intitolato “La madre di Whistler” e il critico inglese John Ruskin finirono in tribunale. Pomo della discordia il quadro “Notturno in blu e oro”, un olio che Ruskin paragonò a “un vaso di pittura tirato in faccia al pubblico”.
Whistler, invece di dare una bella pennellata di blu in faccia al critico, preferì ricorrere ai giudici. Gli diedero ragione, e Ruskin fu condannato a risarcire con un simbolico penny. Tuttavia per sostenere le spese della causa si impoverì tanto da accettare l’incarico non gradito della Fine Art di Londra. La società – che vendeva stampe – lo spedì a Venezia nel 1879 a produrre una serie di dodici acqueforti che servirono a pagare gli avvocati. (c.g.)

 James Abbot McNeill Whistler, “Notturno in blu e oro: il vecchio ponte di Battersea"

James Abbot McNeill Whistler, “Notturno in blu e oro: il vecchio ponte di Battersea”

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista