Home / News / Guido Reni ‘La consegna delle chiavi’. Un capolavoro ritorna a casa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

reni ape

Guido Reni ‘La consegna delle chiavi’. Un capolavoro ritorna a casa

FANO – Una splendida opera d’arte italiana torna in patria in occasione della mostra  ‘La consegna delle chiavi’  Un capolavoro ritorna. Il dipinto di Guido Reni (La consegna delle chiavi, appunto) è esposto, fino al 29 settembre, presso la Pinacoteca San Domenico di Fano. Accompagneranno il dipinto altri due capolavori del pittore bolognese, l’ Annunciazione del 1621 (realizzata per la chiesa di San Pietro in Valle, oggi nella Pinacoteca Civica del Palazzo Malatestiano, Fano)  e una seconda Annunciazione, eseguita tra il 1628 e il 1629, (proveniente dai Musei Civici di Ascoli Piceno).

 

reni

Guido Reni, La consegna delle chiavi

Guido Reni (1575-1642) è uno degli esponenti di spicco del barocco italiano ed è autore de “La consegna delle chiavi”, opera dipinta dall’artista per l’altare maggiore della chiesa di San Pietro in Valle di Fano (in provincia di Pesaro e Urbino) che è esposta presso il Musée du Louvre di Parigi. Sottratta in epoca napoleonica (1797), la tela ritorna ora sul suolo italico. Per l’occasione, si è costituito un comitato scientifico d’eccezione composto da alcuni tra i più illustri esperti del settore: Maria Rosaria Valazzi, Andrea Emiliani, Daniele Benati, Franco Battistelli, Rodolfo Battistini, Giuseppina Boiani Tombari, Daniele Diotallevi, Claudio Giardini, Stefano Papetti.

 

L’esposizione, ideata, voluta e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano insieme alla Soprintendenza per i Beni Artistici Storici ed Etnoantropologici delle Marche ed al Comune di Fano, si realizza grazie alla collaborazione del Musée du Louvre di Parigi, dei Musei Civici di Ascoli Piceno, della Pinacoteca Civica di Fano, della Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola.
L’evento, oltre a costituire un’occasione imperdibile per ammirare uno dei maggiori capolavori di Reni – rientrato, seppur temporaneamente, dopo oltre due secoli di assenza dal territorio italiano – costituisce altresì una testimonianza del mecenatismo culturale del patriziato marchigiano nel corso del diciassettesimo secolo, nel momento in cui diversi aristocratici iniziano a mostrare interesse nei confronti della produzione artistica dei maggiori esponenti della scuola emiliano-bolognese.

 

Guido Reni “La consegna delle chiavi” Un capolavoro ritorna
Fano, Pinacoteca San Domenico
15 giugno – 29 settembre 2013

Ingresso: gratuito
Orari di apertura al pubblico:
Tutti i giorni escluso il lunedì dalle 18.00 alle 22.00

Info:
Segreteria organizzativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
Tel 0721-802885, www.fondazionecarifano.it

 

Acquista qui la pubblicazione dedicata a Guido Reni:

 

9788809760769GUIDO RENI di Andrea Emiliani

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica