Home / News / GUTTUSO: Ritratti e autoritratti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Guttuso Renato, Lamento per la morte di Picassomape

GUTTUSO: Ritratti e autoritratti


GUTTUSO: Ritratti e autoritratti
Bagheria, Museo Guttuso, Villa Cattolica
Dal 18 aprile al 21 giugno 2015

Info:
091/943902/06 fax 091/933315
e-mail villacattolica@tiscali.it

Orari:
tutti i giorni compresi i festivi dalle ore 10:00 alle ore 19:00, chiusura lunedì.

Ingresso:
euro 5,00, intero, ridotto 4 euro; gruppi scolastici 2 euro, gratuito per bambini fino a sei anni, giornalisti con tesserino guide turistiche con tesserino, militari in divisa.

Il Museo Guttuso di Bagheria, ospitato nello straordinario complesso monumentale tardo barocco di Villa Cattolica, celebra l’artista con una grande mostra Guttuso: Ritratti e autoritratti, dal 18 aprile al 21 giugno 2015, ripercorrendone l’intero arco creativo attraverso una prospettiva inedita.
L’esposizione, curata da Fabio Carapezza Guttuso e Dora Favatella Lo Cascio, è posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività e del turismo le attività. E’ promossa, dalla Regione Siciliana – Assessorato Regionale ai Beni Culturali
e all’Identità Siciliana (Sicilia Pofesr 2007- 2013), dalla Città di Bagheria e dagli Archivi Guttuso.

Grazie al lungo lavoro di ricerca compiuto dagli Archivi Guttuso, le opere sono state scelte tra quelle presenti nei più importanti musei, tra i quali la Galleria Nazionale d’Arte moderna di Roma e il Museo degli Uffizi, oltre che nelle collezioni private più rappresentative.

Renato Guttuso, Ritratto di Mimise con il cappello rosso, 1940

Renato Guttuso, Ritratto di Mimise con il cappello rosso, 1940

Sarà così possibile ammirare i ritratti di scrittori come Alberto Moravia, Michael Angel Asturias, Nino Savarese, Carlo Levi, critici come Natalino Sapegno, Santangelo, , poeti come Montale, Neruda, attori come la Magnani, Zeudi Araja, intellettuali e politici come Amendola, Bufalini, Alicata artisti come Picasso, Turcato, Consagra, Leoncillo, Fontana, Manzù che al pittore ha dedicato il grande monumento funebre, posto nel giardino del museo Guttuso. Una galleria di personaggi che testimonia la straordinaria capacità dell’artista di intessere rapporti dai quali sarebbero nati sodalizi, e si sarebbero sviluppati movimenti artistici, come Corrente e il Fronte nuovo delle arti.

Bagheria, la città natale, e la Sicilia, che l’artista abbandona precocemente, riaffiorano nei numerosi ritratti dedicati al padre che culminano nel visionario Gioacchino Guttuso Agrimensore,1966 colto nell’esercizio della sua professione; nel Ritratto della madre,1940, Giuseppina d’Amico, emerge il dramma della recente scomparsa del marito e la tristezza per il figlio lontano.

Attraverso l’esposizione degli autoritratti sarà possibile scrutare nell’animo dell’artista, seguirlo, dagli esordi fino alla maturità, nella costruzione della sua identità, vedere riflessa, nel suo bel volto, la condizione umana con le sue sofferenze, i suoi miti, le sue passioni.

Renato Guttuso, Ritratto di Moravia, 1982

Renato Guttuso, Ritratto di Moravia, 1982



Saranno inoltre esposte molte opere inedite, i preziosi disegni della sua collezione privata, che raffigurano amici ed artisti colti in momenti di rilassatezza amicale.

Gli studi romani di Guttuso rappresenteranno per artisti, intellettuali, politici un luogo dove incontrarsi ragionare d’arte e di politica, come si vede nel bellissimo Gente nello studio, 1938, dove Antonietta Raphael Mafai, Mario Mafai, Aldo Natili, Armando Pizzinato e Mimise, seduti sul letto del pittore, conversano amabilmente.
Nello studio frequente era la presenza di donne, modelle, amiche, che costituivano il suo immaginario femminile, evidente nell’ultima grande opera: Nella stanza le donne vanno e vengono, 1986. Il grande quadro, che ha per titolo il distico di T.S.Eliot “Nella stanza le donne vanno e vengono/ parlando di Michelangelo”, è una meditazione sull’eterno femminino, rappresentato da otto donne che con tacchi altissimi, abiti accesi si pettinano, parlano al telefono, si abbracciano, tra queste si riconosce Marta Marzotto.

Da segnalare anche l’importante inedito Ritratto di Giovanni Pirelli, 1959, l’intellettuale che rinunziò ad assumere la guida dell’azienda di famiglia per seguire le proprie passioni intellettuali e politiche, che ebbe con Guttuso un forte legame ricostruito nel catalogo sulla base di documenti inediti.

La presenza di Picasso nella vita di Guttuso è come una camera oscura nella quale l’uomo si sovrappone alle immagini più pregnanti delle sue opere, i quadri dedicati dall’artista all’amico, dopo la sua morte, sono come sogni dove si intersecano immagini e persone come nella Colazione con la Dama di Cranach, 1973 o nello struggente Lamento per la morte di Picasso, 1973.

Guttuso Renato, Lamento per la morte di Picasso, 1973

Guttuso Renato, Lamento per la morte di Picasso, 1973

A Mimise, la compagna della vita, che sposerà nel 1950, è dedicata una galleria di ritratti tra i quali Mimise con il cappello rosso,1938, e l’Autoritratto con Mimise,1966 nel quale l’artista si ritrae con la moglie, costruendo una composizione che, sul filo della autobiografia, unisce il suo Autoritratto del 1940 e il ritratto di Mimise, del 1947.

I ritratti e gli autoritratti saranno contestualizzati in un allestimento che prevede la proiezione di filmati d’epoca, messi a disposizione dalla RAI e dall’Istituto Luce e l’utilizzo del prezioso materiale documentario, in gran parte inedito, fornito dagli Archivi Guttuso.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico