Home / Mostre Extraeuropee / Hopper e gli altri, ritorno a un’America che non c’è più
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

HOPPER COPERTINA

Hopper e gli altri, ritorno a un’America che non c’è più


Attingendo alla collezione del MoMA , la mostra “Arte americana moderna, da Hopper a O’Keeffe” – che sta riscuotendo un notevole successo negli Stati Uniti e che resterà aperta fino al 26 gennaio 2014, al MoMa, appunto – prende in considerazione e valorizza le opere dipinte tra il 1915 e il 1950 , e tiene conto delle preoccupazioni culturali della società americana che cambia rapidamente a ridosso della metà del del ventesimo secolo. Tra dipinti, disegni, stampe, fotografie e sculture, “Arte americana moderna” riunisce alcuni dei più celebri capolavori del Museo, giunge alla loro contestualizzazione, e propone anche opere meno viste dal grande pubblico ma rivelatrici opere delle tendenze emotive e visive del tempo:

La selezione dei dipinti porta a temi tanto diversi come paesaggi urbani e rurali , scene di industria , composizioni still-life , e ritratti , ed è organizzata tematicamente, a sezioni. Le opere esposte sono di George Bellows , Stuart Davis , Edward Hopper , Georgia O’Keeffe , Charles Sheeler , Alfred Stieglitz , e Andrew Wyeth , tra molti altri . Lontano da una visione enciclopedica dell’arte americana del periodo, l’appuntamento culturale costituisce uno sguardo focalizzato sui punti di forza e le sorprese della collezione del MoMA, ma soprattutto su un’America che non c’è più.

La mostra è organizzata da Kathy Curry , Assistente Curatore , ed Esther Adler , Assistente Curatore , Gabinetto Disegni e Stampe

NEL FILMATO, UN VIAGGIO TRA LE MAGGIORI OPERE DI HOPPER

La scheda biografica di Hopper

http://it.wikipedia.org/wiki/Edward_Hopper

 

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti