Home / Arte Eros / I disegni erotici di Verlaine, il piacere di “mangiare” ed “essere mangiati”. Video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I disegni erotici di Verlaine, il piacere di “mangiare” ed “essere mangiati”. Video

 

 

FEL

Illustratore da oltre 30 anni, Denis Verlaine è nato nel sud della Francia a metà degli anni Sessanta. Amante delle belle donne, del disegno e degli acquerelli, ha messo a punto il suo stile grafico nel corso dei suoi viaggi in Europa e negli Stati Uniti. Condivide con Pratt ed Hemingway un profondo amore per la Venezia sensuale e misteriosa, popolata da maschere al chiaro di luna. Con la scrittrice Miss Kat è autore del libro Les Amoureux Libertins  , Gli amanti libertini, allontanatisi dalla via dell’ordinaria quotidianità, in viaggio nel quale l’esplorazione della realtà avviene soltanto attraverso il sesso, com’è nella tradizione avviata dal marchese De Sade. Cosa narra il romanzo? Di una coppia libertina, che lasciata la via rassicurante della quotidianità, vedrà la sua vita sconvolta dall’intervento di tre partner “straordinari”.

Nel rapporto tra rappresentazione artistica e costume, va rilevato, attraverso Denis Verlaine, il sostanziale mutamento dell’eros femminile, dopo la caduta progressiva dei tabù e il raggiungimento della parità dei sessi. Verlaine si rivela tra i più attenti osservatori degli atteggiamenti femminili nei confronti del sesso maschile, oggetto di divertita curiosità, di possesso e di una sorta di desiderio antropofago di introiezione. Soprattutto per quanto concerne questo particolare dell’eros si rivela, in assoluto, tra i disegnatori più efficaci e sensuali, in grado di leggere al di là delle palpebre chiuse delle sue modelle, un incanto sublime.

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista