Home / Arte Eros / I surrealisti e il sogno della donna-grotta. Masson. Disegni di donne-paesaggio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I surrealisti e il sogno della donna-grotta. Masson. Disegni di donne-paesaggio

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, POCO PIU’ SOTTO NELLA PAGINA, ALLA TUA DESTRA DOVE C’E LA FRASE “SEGUICI SU FACEBOOK”. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

Nell’immaginario erotico maschile, quando il corpo della donna è molto vicino e il suo profumo e le dolci linee si disvelano, esso appare in forma di paesaggio. La terra. Un’isola immensa da guardare e da percorrere, ricca di frutti. Monti, triangoli dell’Eden, dolci bacche selvatiche. André Masson, ottimo artista di matrice surrealista, riprende qui le immagini del paesaggio che appare, durante il rapporto sessuale, all’uomo che esplora. Egli si sente completamente attratto da una grotta immensa, di muschi e rugiade. Non è solo una parte di sè a varcare le tende che mantengono il mistero dell’accesso, ma il tutto. Masson pratica una forma di disegno automatico, che si connette strettamente alla scrittura automatica surrealista. Il metodo che segue consiste nell’eliminazione di un progetto grafico o di un’idea narrativa per lasciare che la mente-matita, connettendosi agli strati più profondi in cui sono contenute le immagini dell’es, del desiderio, stenda automaticamente disegni o parole, senza che gli strati superiori della coscienza impongano censure.

La donna diventa così la madre terra, in cui sprofondare per una gioia carnale e celeste ad un tempo. La presenza del piccolo maschio che dischiude la grossa vulva, in primo piano, come nell’Origine del mondo di Courbet, recupera certe ossessioni iconografiche legate alle illustrazioni dei viaggi di Gulliver, relativamente all’episodio che ha maggiormente colpito l’infanzia di tutti i tempi: la prigionia del protagonista nel paese dei lillipuziani. L’amore fisico diviene una categoria spirituale in Masson e nei surrealisti.

Così Masson riprende il tema in diversi disegni e litografie, tra le quali le incisioni realizzate per illustrare i libri di Bataille, con il disegno della vulva-occhio, riconosciuta come oracolo e divinità del profondo. Frattanto i peni si trasformano in campanili, in dolci paesaggi di cosce levigate come rocce di fiume e seni-colline
André Aimé René Masson (Balagny-sur-Thérain, 4 gennaio 1896 – Parigi, 28 ottobre 1987) ha dedicato gran parte della propria attività artistica all’esplorazione dell’inconscio. Coetaneo e amico di André Breton, fondatore del Surrealismo, comprende l’importanza delle pulsioni più profonde possono assumere, attraverso il filtro della cultura e dell’arte, nel riassegnare all’umanità quello slancio vitale che ha perduto, in convenzioni di sottomissione a un potere che si finge asessuato.

Nato in Francia, in Piccardia, Masson si era trasferito con i familiari in Belgio, dove frequentò l’Academie Royale des Beaux-Arts a Bruxelles. Nel 1912 fu a Parigi per completare la propria formazione all’Académie des beaux-arts e per entrare nel vortice creativo della capitale, avvicinandosi al cubismo. Ma si apre, nel 1914, il periodo drammatico della guerra. Chiamato alle armi a diciotto anni viene gravemente ferito al torace e mandato in convalescenza a Parigi. Negli anni Venti l’ossessione della guerra, come incubo supremo dell’umanità, angustia le sue opere. Fondamentale risulta, in quel periodo, la frequentazione dei circoli surrealisti, attraverso André Breton.

Sotto l’influenza surrealista Masson sperimentò diverse tecniche di produzione artistica «automatica». Mentre nel disegno automatico  lasciava scorrere la penna, come se essa fosse mossa da uno spirito, nella pittura automatica faceva gocciolare colla sulla tela, ripassando poi della sabbia sulle macchie di colla e dipingendo a olio sulla base delle forme che si creavano casualmente sul supporto. Questa pratica, in seguito al trasferimento di Masson a New Preston, nel Connecticut, e con le sue opere influenzò Jackson Pollock  ed altri espressionisti astratti, come per esempio . Masson riteneva che lavorare in un ridotto stato di coscienza aiutasse l’artista a liberarsi dal controllo della razionalità e ad entrare in pieno contatto con la creatività dell’inconscio: per ottenere questo scopo a volte dipingeva sotto l’influenza di droghe o sottoponendosi a lunghi periodi di digiuno o di deprivazione dal sonno.
Verso la fine degli anni venti, Masson cominciò a ritenere le tecniche automatiche del surrealismo limitanti e lasciò il movimento surrealista cercando di ottenere uno stile più strutturato. In questo periodo produsse opere a tema violento o erotico, specie in relazione ai fatti della Guerra Civile Spagnola. Nel 1936 Masson disegnò la copertina del primo numero di Acéphale, la rivista fondata dal filosofo francese Georges Bataille, e continuò a collaborare con la pubblicazione fino al 1939. Verso la fine degli anni trenta l’artista si riavvicinò al gruppo dei surrealisti.


Allo scoppio della seconda guerra mondiale, sotto l’occupazione tedesca della Francia, le opere di Masson furono considerate arte degenerata. In fuga dalla Francia, non trovò, a livello di autorità, maggior accoglienza negli Stati Uniti.  Al suo arrivo a New York gli ufficiali di dogana che ispezionarono il suo bagaglio sequestrarono alcuni suoi disegni erotici, distruggendoli sotto gli occhi dell’artista.


Dopo la seconda guerra mondiale, Masson ritornò in Francia e si stabilì ad Aix-en-Provence, dove cominciò a dipingere dei paesaggi. Lo psicanalista francese Jacques Lacan, ultimo possessore privato del provocatorio dipinto di Gustave Courbet L’Origine del Mondo, acquistato nel 1955, chiese a Masson di costruire una cornice di legno per il quadro con un pannello scorrevole che potesse nasconderlo. Masson realizzò sul pannello una versione surrealistica ed evocativa del dipinto di Courbet.

ARTE EROTICA, opere, foto, statue, oggetti alle aste on line in questo istante

 

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

L’ispezione. Rowlandson (1756-1827) insegna come guardare ed essere guardate

L’ostrica, la perla, il sesso. Le foto dell’australiano Robbie Merritt. Breve video