Home / News / I volti dei maestri del Rinascimento nascosti tra i mercanti nel tempio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

El Greco, La cacciata dei mercanti 
dal tempio
El Greco, La cacciata dei mercanti dal tempio

I volti dei maestri del Rinascimento nascosti tra i mercanti nel tempio

Che ci fanno i ritratti di quattro grandi artisti del Rinascimento italiano in un dipinto in cui appaiono trasposti nel tempo e nello spazio, catapultati tra le mura del tempio di Gerusalemme? Tiziano, Michelangelo, Giulio Clovio e Raffaello sono mescolati – anche se un po’ in disparte, non direttamente coinvolti nell’azione – alla folla dei mercanti che Cristo scaccia dall’edificio sacro.
Il motivo per cui El Greco, l’autore del quadro (1570), ha deciso di effigiarli è un mistero e le interpretazioni molteplici, così come i significati che la scena, che mostra i quattro intenti a commentare l’accaduto, può sottendere. E’ probabile che si tratti di un omaggio ai pittori o, secondo un’analisi più approfondita, di un’allegoria. Da una parte la liberazione della Chiesa dall’eresia mediante Gesù, dall’altra la liberazione dell’arte dall’impurità tramite il genio di straordinari maestri.


Un ringraziamento che El Greco sente forse di dovere a coloro che più di altri hanno contribuito alla sua formazione ed ispirazione: Tiziano, che per primo l’ha “svezzato” al suo arrivo a Venezia, Clovio, Raffaello e Michelangelo (a cui pure Domenico Theotokópulos non aveva risparmiato dure critiche, soprattutto riguardo agli affreschi della Cappella Sistina) in un secondo momento, a Roma. L’opera è inoltre un tributo a quell’“italianità” che pervade anche i quadri del periodo spagnolo dell’autore.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico