Home / News / Il colosso Rodin e la scultura italiana del primo Novecento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il colosso Rodin e la scultura italiana del primo Novecento

Giovanni Prini, Gli amanti, 1909-1913, marmo. h. cm 180.Roma. Galleria d'arte moderna di Roma capitale

Giovanni Prini, Gli amanti, 1909-1913, marmo. h. cm 180.Roma. Galleria d’arte moderna di Roma capitale

D’APRES RODIN. SCULTURA ITALIANA DEL PRIMO NOVECENTO
Roma, Galleria nazionale d’arte moderna
fino al 18 maggio 2014

In concomitanza con la mostra “Rodin. Il marmo, la vita” presso il Museo Nazionale Romano alle
Terme di Diocleziano (fino 25 maggio 2014), la Galleria nazionale d’arte moderna
organizza una mostra incentrata sulla diffusa e trasversale influenza esercitata da Auguste Rodin
sulla scultura italiana dei primi decenni del Novecento, a partire dalla risonanza suscitata dalla sala
personale dell’artista francese presso la Biennale di Venezia del 1901.
Il michelangiolismo filtrato attraverso Rodin costituì, come è noto, un forte impulso al
rinnovamento formale della scultura italiana del primo decennio del Novecento, ma le novità
strutturali introdotte da Rodin nella sua plastica, le relazioni spaziali ed espressive con le quali è
affrontata la figura umana, la poetica del corpo deformato e mutilato sono elementi che daranno i
loro frutti ben oltre gli inizi del secolo, tanto che Rodin è considerato per molti aspetti un
precursore della scultura contemporanea. Non bisogna dimenticare infatti che Umberto Boccioni
trasse l’ispirazione per la sua scultura Forme uniche della continuità dello spazio, icona
dell’avanguardia futurista, dalla visione di L’uomo che cammina all’Esposizione Internazionale di
Roma nel 1911.
La mostra propone opere di scultori italiani in gran parte presenti nelle collezioni della Galleria
nazionale d’arte moderna, fra i quali Medardo Rosso, legato allo scultore francese da sentimenti di
ammirazione e conflittualità; da altre collezioni sia pubbliche che private provengono opere di
artisti che hanno trovato nella plastica di Rodin un modello ispirativo che arriva fino alle soglie
degli anni Quaranta.
Nel primo decennio del Novecento Rodin dominava indiscutibilmente lo scenario della scultura
europea come un gigante con il quale confrontarsi, un passaggio obbligato che bisognava
comunque attraversare per passare oltre. Le numerose partecipazioni di Rodin alle principali
esposizioni italiane esercitarono una decisiva influenza su una generazione di scultori che avvertiva
la necessità di liberarsi dalle formule abusate dell’accademismo, del naturalismo, del simbolismo. La rilettura operata da Rodin di Dante e Michelangelo nella straordinaria Porta dell’Inferno, la
rivisitazione della statuaria antica come fonte vitale per la modernità, costituirono un potente
veicolo di penetrazione all’interno della cultura italiana ancora pervasa da concezioni idealistiche e
nazionaliste e quindi già favorevolmente predisposta ad assorbire le novità del maestro francese.
La selezione delle opere esposte, lungi dall’essere esaustiva, mette in luce confronti e derivazioni
da modelli rodiniani, a partire dai temi danteschi nelle sculture di Carlo Fontana e Domenico
Trentacoste, e dalla diffusione del ‘non finito’ michelangiolesco, spesso privato dell’originaria
componente neo-platonica, inteso come dualismo-contrasto tra il modellato levigato della figura e
la materia scabra, come si può constatare nel monumento a Segantini La Bellezza liberata dalla
materia di Leonardo Bistolfi, nella bellissima serie dei sei Bassorilievi in marmo rosa di Libero
Andreotti, nella Testa di Arturo Dazzi della Galleria d’arte moderna di Roma Capitale, ma anche in
applicazioni meno drammatiche (Trentacoste, Nudo di donna, Quadrelli, Testa di donna)



Nel secondo decennio del secolo, la vasta produzione scultorea del maestro francese continua a
fornire prototipi formali per opere di segno completamente mutato, come nella Lupa di Graziosi,
che replica in una sensuale versione femminile il modello originario dell’Ugolino della Porta
dell’Inferno, o negli Amanti di Prini, rielaborazione in chiave secessionista del più celebre Bacio.
Mentre si affievolisce l’ondata del michelangiolismo e la scultura tende sempre di più verso la
sintesi delle forme, la poetica squisitamente rodininiana del ‘frammento’, del torso, del corpo
senza testa, della figura parziale come opera compiuta, è stata feconda di sviluppi per l’arte
italiana successiva agli anni Dieci e nel primo dopoguerra (Zanelli, Ninfa dormiente; Prini, Torso).

Dopo la guerra, dopo la morte di Rodin nel 1917, il clima culturale e politico italiano, orientato
verso il ritorno all’ordine e alla strutturalità architettonica dei volumi, sembra relegare sempre più
lo scultore francese al XIX secolo. Ma la vitalità della sua scultura sopravvive ancora, tra ricorrenze
e consonanze, nell’assimilazione citazionista, personalissima e geniale, di Arturo Martini.

 

SE VUOI RICEVERE GRATUITAMENTE GLI ARTICOLI DI STILE ARTE SU FACEBOOK, VAI IN CIMA ALLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

Hotel e alberghi a Roma e in Italia, dove soggiornare per le mostre


Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Gentile da Fabriano, quando dipingi la vita come una cosa meravigliosa

Conosci la storia e l’uso propagandistico della statua della chimera? Scoprili in un minuto