Home / Mostre in Italia / Il fascino dei templari a Palazzo Te
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ape 1404991051314_2

Il fascino dei templari a Palazzo Te

Cavalieri del Tempio
dall’11 luglio 2014 al 05 ottobre 2014
Mantova, Fruttiere di Palazzo Te

Costo del biglietto: 9.00 euro
Orario: lunedì: 13 – 18 (ultimo ingresso ore 17:30)martedì-domenica: 9 – 18 (ultimo ingresso ore 17.30)La biglietteria chiude 30 minuti prima.Dal 4 luglio al 1 novembre, il Venerdi e Sabato, chiude alle ore 20 (la biglietteria chiude mezz’ora prima)
Telefono: 0376 323266
E-mail: palazzote@comune.mantova.gov.it
Sito web: http://www.palazzote.it

98d7ec5c0ae735ecef368afe65cbd327d6a5daaTemplari: storia e leggenda de i Cavalieri del Tempio è una mostra ideata e progettata dalla Fondazione DNArt di Milano, in collaborazione con il Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e il Museo Civico di Palazzo Te, sotto l’Alto Patronato del Pontificium Consilium de Cultura, con il Patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Mantova e Diocesi di Mantova e sotto l’egida del Sovrano Militare Ordine di Malta – Gran Priorato di Napoli e Sicilia – Centro Studi Melitensi.

La mostra, attraverso l’esposizione di importanti e significativi reperti storico-artistici, si prefigge di illustrare il problema templare innanzitutto come eredità storica, partendo direttamente dal contesto di questa epoca chiaroscurale sulla quale il visitatore si possa muovere in un personale percorso di approfondimento e di scoperta.

Il percorso espositivo dà particolare rilevanza a due elementi fondamentali della storia dei Templari: il fascino dell’Oriente e il processo contro il Tempio. Si tratta di un’esposizione unica nel suo genere per la portata del tema, per l’alto comitato scientifico coinvolto e per la bellezza e l’unicità di reperti che schiudono anche al più impreparato visitatore nuovi orizzonti di interpretazione storica, ma, soprattutto, per la sua stessa strutturazione. Attraverso l’esposizione di documenti, quadri, sculture ed oggetti la mostra illustra la nascita, lo sviluppo, la fine e l’eredità dell’Ordine, lungo il percorso di diverse tappe diacroniche e le gesta dei personaggi che ne hanno fatto la storia.

La mostra ha anche una finalità simbolica : infatti i reperti artistici che la illustrano – pur nella loro semplice bellezza estetica – racchiudono anche un complesso di simboli e di metafore che formano un’eredità ancora viva, nella cultura del nostro tempo.

47b77e5ad72cdf1543d3bb218560ef8a90e78cLungo il percorso espositivo si snoda una storia – quella dei Templari – divenuta epopea, capace di illustrare molti aspetti della nostra storia contemporanea. La nascita dell’Ordine del Tempio è, infatti, uno degli avvenimenti chiave della storia europea: la creazione di una forza, per la prima volta universalmente riconosciuta e riconoscibile, preposta alla difesa dei pellegrini, di un’idea di bene e di valori comuni e condivisi, che da quel momento risulteranno fondanti per i sistemi di governo futuro. La protezione dei deboli, la virtù e l’abnegazione al servizio del compimento del dovere, la subordinazione degli interessi particolari ad un concetto di bene universale, rappresentano le nuove parole d’ordine di una comunità del coraggio e della cavalleria. In forza della dimensione internazionale dei Templari e del loro porsi come ordine monastico-cavalleresco, questi valori rappresenteranno una delle prime forme “politiche” interpreti del concetto di dovere universale in ambito medioevale.

I valori che ispirano la vita dei Templari e le loro imprese sfoceranno in tre diverse direzioni: si affaccia per la prima volta l’idea di unità e cooperazione internazionale in vista di un fine comune; nasce e si sviluppa una forma dell’economia capace di coordinare potere spirituale e temporale; la difesa militare di quella nascente identità territoriale disegnata dalla virtù dei Templari.

1404991051314_2

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista