Home / Aneddoti sull'arte / Il matrimonio segreto di Giambattista Tiepolo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il matrimonio segreto di Giambattista Tiepolo


Se risulta priva di ogni fondamento, come spiega Lionello Puppi, la notizia di un Tiepolo ormai anziano allietato dalla presenza della bellissima modella Cristina, è invece vero che il maestro veneziano era stato protagonista in gioventù di un matrimonio segreto.
Giambattista aveva ventitré anni, nel 1719, quando sposò Maria Cecilia Guardi, sorella dei pittori Antonio e Francesco. In seguito alla morte del padre, Maria Cecilia versava nella più profonda indigenza. Ciò le impediva di procurarsi una dote, elemento indispensabile per ottenere l’approvazione della madre di Tiepolo, Orsetta Marangon. I due innamorati, però, non si arresero: le nozze furono celebrate comunque, sia pure in forma segreta. La loro sarebbe stata un’unione felice, benedetta dalla nascita di dieci figli. Giambattista ci ha lasciato una testimonianza della sua devozione per la moglie in alcune opere nelle quali compare il ritratto di lei.
Ne Il ratto d’Europa (1720), ad esempio, Maria Cecilia presta le proprie sembianze alla figlia del re fenicio Agenore, rinomata per la sua avvenenza. Nel dipinto non è descritto il dramma del rapimento, bensì un momento precedente, permeato di serenità. Ed è facile intravedere nel placido toro/Giove disteso ai piedi d’Europa una metaforica raffigurazione di Tiepolo, carezzato dalla consorte.
In Alessandro e Campaspe nello studio di Apelle (1726-28) Giambattista va oltre, rappresentando sé nelle vesti del sommo pittore greco e Maria Cecilia in quelle della meravigliosa cortigiana Campaspe, amante di Alessandro Magno. Come narra Plinio nell’Historia Naturalis, Apelle, mentre ritraeva Campaspe, se ne invaghì perdutamente. Ad opera finita, Alessandro, ammirato dalla leggiadria della composizione, si rese conto di quali sentimenti avevano guidato la mano dell’artista; e, in un impeto di generosità, rinunciò alla cortigiana in suo favore. Omaggiando la moglie, paragonata ad una delle donne più belle dell’antichità, Tiepolo le fa sapere che quello che prova per lei è un amore sconfinato, non inferiore a quello provato da Apelle molti secoli prima.

 

Clicca sul link per aprire il PDF e leggere testo, con immagini comparative:

[PDF] Il matrimonio segreto di Giambattista

STILE ARTE 2009

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista