Home / Gli animali nell'arte / Il piccolo animale rapito dalla visione divina
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il piccolo animale rapito dalla visione divina

Vittore Carpaccio, Visione di Sant’Agostino

Vittore Carpaccio, Visione di Sant’Agostino

I CANI NELL’ARTE – Vittore Carpaccio, nella tela Visione di Sant’Agostino (1502-1504), dipinge un piccolo cane da compagnia, dal pelo folto. Il santo, alla nostra destra, viene illuminato da una benigna luce divina che avvolge anche animale, rapito da quei raggi, intensi e soffusi a un tempo.

Lo sguardo del cagnolino è rapito dalla soave, anomala luminosità nella stanza, al punto da rendere sensorialmente percepibile, anche da parte dello spettatore, la radiosa realtà della miracolosa visione.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico