Home / Fotografia / In mostra le opere di Pietro Mancini analizzate da Adriana Conconi Fedrigolli
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

In mostra le opere di Pietro Mancini analizzate da Adriana Conconi Fedrigolli


invito_Mancini

TENSIONI GEOMETRICHE
di Pietro Mancini
Artista vincitore del Premio Nocivelli VI edizione, categoria Artisti Over 25

INAUGURAZIONE: giovedì 25 giugno 2015 | ore 18.30
CURATORE: Adriana Conconi Fedrigolli
SEDE: 28 Piazza di Pietra – Fine Art Gallery – Piazza di Pietra, 28, Roma
PERIODO: 25 giugno – 30 luglio 2015
ORARI: dal lunedì al sabato, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 21.00
INFO: 06 94539281 | info@28piazzadipietra.com

Giovedì 25 giugno alle ore 18.30 presso la galleria 28 Piazza di Pietra di Francesca Anfosso si inaugura la mostra personale Tensioni Geometriche dedicata a Pietro Mancini, vincitore della VI edizione del Premio Nocivelli nella categoria Artisti Over 25.

L’ARTISTA
Nato, come scrive in una nota autobiografica, sul pianeta Terra a Tropea (VV) tra il 1900 e il 2000 d.C., all’età di tre anni con la sua famiglia si è trasferito nel Lazio e, al di là della condizione di cittadino che vive in una regione dello stato italiano, continua a sentirsi un essere catapultato nel sistema solare. Stilisticamente onnivoro, è attratto da tutte le forme espressive, sia tradizionali che tecnologiche. È ideatore e coordinatore di “Officina Tom”, un progetto che mette in relazione arte e disagio psichiatrico, nato in collaborazione con gli utenti dei Dipartimenti Diurni di Salute Mentale di Pomezia, Anzio e Roma.
Francesca Anfosso lo descrive come “un artista maturo con alle spalle un’esperienza significativa. L’originalità dei suoi lavori, unita alla loro dirompente forza espressiva, ci porta a interrogarci sul loro significato più profondo al di là del loro indiscusso valore estetico. E’ l’arte al servizio di qualcosa d’altro, l’arte come strumento critico e antropologico per portare alla luce un messaggio, un contenuto, non necessariamente rassicurante. La complessità di Mancini trova corrispondenza nel suo impegno sociale e nella personalità di un artista che lavora su più livelli per fonderli insieme nell’unicità dei suoi scatti”.
Adriana Conconi scrive: “La poetica di Mancini affonda le radici nel profondo dell’essere umano, rappresentato spesso con immagini di adolescenti, perché in essi la lacerazione, il distacco, l’allontanamento dalla pura bellezza dell’essere e dell’esistere appaiono maggiormente evidenti e codificabili rispetto agli adulti che, pur vivendo quotidianamente questa dicotomia, si sono costruiti strutture e sovrastrutture capaci di nascondere il loro male di vivere. L’artista miscela sapientemente simboli appartenenti a linguaggi espressivi diversi e all’apparenza non conciliabili, rimanendo sempre ancorato solidamente alla geometria, che conferisce una stabilità iconica all’immagine e rappresenta l’unica attuale certezza. Le sue opere sono puntuali documenti di attimi, di minuti, di ore, di giorni o di anni, e pur mantenendo salda al loro interno la scelta dell’autore di fissare e dare testimonianza del vissuto contemporaneo, con elementi legati al XXI, appaiono connotate da un’atemporalità straniante”.

LA GALLERIA
La Galleria nasce nel cuore di Roma al 28 di Piazza di Pietra, con il proposito di dar vita in questa splendida cornice ad un nuovo spazio dedicato all’arte e alla cultura.
Il progetto parte dal presupposto di creare un luogo di incontro, produzione e circolazione di idee, con l’intento di promuovere l’arte contemporanea nella molteplicità di espressioni che ad essa appartengono, ed un’attenzione particolare alla fotografia italiana e internazionale.
La Galleria proporrà inoltre nel corso dei mesi un programma di eventi culturali e workshop tematici volti ad approfondire le diverse tecniche ed espressioni artistiche.

IL PREMIO NOCIVELLI
L’Associazione Culturale Techne è stata fondata nel 2009 dalla famiglia di Luigi Nocivelli per dare continuità alla sua passione per la cultura, in particolare nella forma di promozione e diffusione dell’arte contemporanea in Italia.
Con l’Associazione nasce anche il Premio Nocivelli, un concorso d’arte per la promozione di pittura, scultura e fotografia, patrocinato dalla Regione Lombardia, dalla Provincia di Brescia e dai Comuni di Brescia e di Verolanuova (BS), quest’ultimo sede ospitante delle premiazioni del concorso. Il Premio ha saputo allacciare partnership con istituzioni importanti nel mondo dell’arte come l’Accademia di Belle Arti di SantaGiulia, l’Accademia di Belle Arti Laba di Brescia, la Fondazione Ugo Da Como e l’Associazione Artisti Bresciani, tutte impegnate nel promuovere e incoraggiare la cultura; ha lavorato con varie gallerie presenti sul territorio italiano, ed oggi collabora stabilmente con la galleria 28 Piazza di Pietra a Roma; infine per tutte le attività che consentono di informare e coinvolgere un pubblico vasto e appassionato il Premio ha sviluppato una partnership con il portale online www.stilearte.it.
Durante gli anni il Premio si è evoluto ed ogni edizione ha scandito una nuova tappa sul percorso che consente alla giovane arte contemporanea italiana di mostrarsi all’interno di una ideale vetrina pubblica, composta di tanti tasselli e tante occasioni, incontri e dialoghi, di cui questa mostra collettiva è un passaggio importante, sempre all’insegna dei valori che Luigi Nocivelli ha impresso in maniera indelebile in coloro che hanno accettato il testimone di questa fucina di creatività.
Il Premio Nocivelli è ormai alla settima edizione, dimostrando con ciò di credere nell’arte e negli artisti e di voler continuare a promuoverli. Quest’anno gli artisti potranno iscriversi online entro il 15 luglio 2015 tramite il sito www.premionocivelli.it che a breve avrà una nuova veste, più moderna e interattiva.

Premio Nocivelli Associazione Culturale Techne
Maddalena Nocivelli

Organizzazione Barbara Bongetta
T. +39 030 7776718
segreteria@premionocivelli.it
www.premionocivelli.it


Unico concerto in Italia per Rod Stewart e appuntamento unico per gli appassionati e per i fan del l’ex frontman dei Faces: il 31 gennaio al Forum di Assago (Mi) si scrive la storia del rock! L'ultima volta che abbiamo visto Rod Stewart in Italia è stato il 21 giugno 2010,  nel concerto pirotecnico  che ha incendiato il palco dell'Arena di Verona Per l'occasione Stile arte, in collaborazione con Stubhub Ebay, ti propone gli ultimi biglietti rimasti per poter partecipare all'incredibile evento. Acquista in totale sicurezza. Stubhub è la piattaforma per la compravendita di biglietti più grande al Mondo. Tramite StubHub  si ha la possibilità di accedere ad una grande varietà di biglietti per eventi sold out nei canali tradizionali. I BIGLIETTI PER IL CONCERTO DI ROD STEWART IN VENDITA SU STUBHUB         Acquista qui i ticket per il concerto di Rod Stewart in tutta sicurezza! Qui di seguito riportiamo le date, cliccando sul link avrai accesso alle info specifiche e avrai la possibilità di acquistare i biglietti in completa sicurezza I biglietti per il concerto di Rod Stewart del 31 gennaio, settore per settore. Controlla qui la disponibilità e acquista il tuo ticket

Forum Assago, clicca sull'immagine per verificare la disponibilità dei posti

  StubHub è la società di eBay, ha reinventato il mercato mondiale dei biglietti nel 2000 e mantiene la sua leadership grazie a una continua innovazione. Nel maggio 2016, Ticketbis è diventata parte di StubHub, creando una rete di oltre 40 paesi di acquirenti e venditori. Acquista biglietti con fiducia Compra biglietti per qualsiasi evento. Se dovessero esserci problemi con il tuo acquisto, StubHub farà tutto il possibile per trovare un biglietto sostitutivo. Se l’evento dovesse essere cancellato o riprogrammato, riceverai un rimborso completo   Rod Stewart in concerto. Qui i biglietti in vendita da Stubhub Ebay
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sai cos’è esattamente l’alchimia? In poche righe la spiegazione. Il rapporto con la pittura

Yves Klein. Anthropométrie de l’époque bleue (1960). Ecco il video cult