Home / News / Jacopo Mattia Fontana
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Jacopo Mattia Fontana

“Mamma da grande farò il creativo”

Jacopo Mattia Fontana è nato il 10 febbraio 1993 a Melzo (MI); all’età di 2 anni viene sradicato da quella vita cittadina, cresce e vive nelle aperte campagne moreniche a contatto con la vera natura. Il nuovo ambiente lo ispira così tanto che fin da piccolo il suo più grande istinto è di disegnare; disegna sulle pareti di casa, sulle carrozzerie delle auto, sui vetri, insomma ovunque!!

Creando non pochi disagi ai propri genitori. Da allora la vena artistica non si è più fermata e oltre al disegno è emersa la voglia di creare oggetti plasmando materiali di comune utilizzo. Cresciuto, diventa consapevole di voler trasformare il sogno di una passione in una professione reale.
Terminati gli studi liceali con indirizzo Architettura e Arredo nel Mantovano, ora prosegue come studente accademico nel territorio Bresciano nella figura di Interior Design presso l’Accademia di Belle Arti SantaGiulia.
Fontana utilizza tutte le nuove tecnologie: Stampa 3D, Grafica e Programmi CAD e Rendering. Il giovane artista ha già realizzato una propria linea di sculture con la sinergia d’ingranaggi in plexiglass e una propria linea di accessorising “Gearing”ed una serie di Restyling per privati con Decorazioni d’Interni. Nonostante le novità del settore, il progettista mantiene il suo “cuore di bambino” e non abbandona la semplicità e manualità del mestiere , utilizzando il primo strumento fondamentale: “ La mano che dirige la matita” .

fontana 1

fontana 3

Creazione “L’ingranaggio dell’Esistenza” a cura di Jacopo Mattia Fontana

Storia….

La mente che da tempo vaga e sogna di realizzare qualcosa di quanto meno unico si è pervasa di due oggetti che uniti potevano dare qualcosa senz’altro di unico quanto strano: l’Ingranaggio
Sistema di rotismi dentati utilizzato per la trasmissione di movimenti da un asse a un altro. Simbolo di attività complessa che coinvolge inesorabilmente.


fontana 2
E il Cristo in croce, Appellativo di Gesù di Nazareth, figlio di Dio e Redentore degli uomini secondo la religione che da lui prende il nome; l’anno della sua nascita serve come base del computo cronologico più diffuso, onde la distinzione, nelle date, di a.C.
Affascinato da Cristo in Croce nelle sue forme e nella sua sofferenza per noi uomini e dalla macchinosità e complessità degli ingranaggi che oggi fanno muove dalla più piccola cosa alla più grande; ho pensato…..:”perchè non realizzare una scultura con più funzioni assemblando la fisionomia di Cristo costruendolo solo ed esclusivamente con ingranaggi?”…sfida accettata….

Opera….

L’opera nasce in un momento particolare del mio processo artistico che è in continuo mutamento e ricerca di idee;
L’essenza e la semplicità della croce di cristo simbolo di cultura e fede cristiana assieme alla famosa crocifissione di Gesù con il suo Pathos e la sua sofferenza, racchiudono in sé. L’Ingranaggio della nostra Esistenza.
Nel nostro immaginario collettivo hanno sempre suscitato amore o dolore, negazione o approvazione del simbolo. Sia per chi crede nella sua esistenza e sia per chi ancora ne è scettico.
Puo essere un’esaltazione in chiave moderna della morte di Cristo ma anche un attacco, mostrando la religione come un qualcosa di meccanico.
Sta allo spettatore provare le proprie emozioni.
La mia idea e le mie sensazioni sono state trasformate e inglobate nella struttura adattandola alla creatività e alle esigenze artistiche del mercato.
Creando un opera che può essere gradevole nonostante la sofferenza a cui rimanda l’oggetto.

Funzionalità….

L’idea è quello di presentare l’opera nelle nostre case , e non solo…., come un oggetto di Interior design, lampada a led o quadro interattivo e decorativo se non scultura moderna.
Arte e design si uniscono.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista