Home / Fotografia / Jamie Baldridge – Le storie delle soffitte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Jamie Baldridge – Le storie delle soffitte

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

 

Jamie Baldridge è nato nel 1975 in una cittadina del profondo sud degli Stati Uniti. Dopo aver trascorso anni a studiare teologia e scrittura creativa alla Louisiana State University, Jamie ha ottenuto un BFA in fotografia.Ha così sviluppato un importante percorso di ricerca artistica, contrassegnato dalla letteratura e dalle proprie origini “sudiste”divenendo una delle voci più intense delle espressioni non metropolitane statunitensi. Professionalmente è poi approdato all’insegnamento, come docente di fotografia presso l’Università della Louisiana a Lafayette, e, come autore di testi e immagini, alla produzione librarie.


“Il mio amore nei confronti di situazioni narrative – dice l’artista – risale all’infanzia, quando ho scoperto un libro intitolato 101 Fairy Tales in un vecchio baule, nella soffitta di mia nonna. La copertina azzurra era stato rosicchiata ma recava una foto di un ragazzo con un turbante, su un tappeto magico. Sedevo in ambienti polverosi, umidi, silenziosi, tra gli abiti comunione colpiti dall’ittero e lettere di amore ammuffite. La lettura di quel libro,alla luce dell’abbaino, mi ha incantato; come mi hanno soggiogato le meravigliose illustrazioni. Produco immagini e scrivo libri per accompagnarle”.
Il composito mondo dei suoi soggetti nasce dall’accostamento di molteplici fotografie e rendering digitali.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista