Home / News / Je t’aime… moi non plus. Un capolavoro? 25 anni fa moriva il suo autore. Riascoltiamola
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Je t’aime… moi non plus. Un capolavoro? 25 anni fa moriva il suo autore. Riascoltiamola

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

je t'aime

Serge Gainsbourg, all’anagrafe Lucien Ginsburg (Parigi, 2 aprile 1928 – Parigi, 2 marzo 1991), è stato un cantautore, musicista, paroliere, poeta, pittore, attore e regista francese di origini russe, che ebbe successo internazionale a partire dalla seconda metà degli anni sessanta. Deve la sua celebrità internazionale soprattutto alla canzone Je t’aime… moi non plus, cantata in coppia con Jane Birkin e, in una prima versione, con Brigitte Bardot. Per distinguere l’interpretazione della Birkin da quella della Bardot, Gainsbourg chiese a Jane, che Serge aveva conosciuto sul set di un film del quale aveva curato la colonna sonora, di cantare su un’ottava più alta. “Abbiamo vissuto nella casa di rue des Beaux-Arts, dove Oscar Wilde morì – ha detto in queste ore di anniversario Jane Birkin – C’era un ristorante molto chic, al piano di sotto…”.

Fu la censura a lanciare indirettamente il disco, per il quale vi fu divieto di commercializzazione in Gran Bretagna e in Italia. Ma era il 1968-1969, anni di contestazioni e di graffi. Fu fatto passare come il “Miglior disco erotico di tutti i tempi”, come sostiene ancora oggiil Guardian. Ma oggi, realmente, come ci appare? Forse eccessivo; forse esagerato nell’idea di un peccato esibito. Troppi sussurri finti. Ma a quell’epoca suscitò uno scandalo enorme e spaventò per il suo realismo (?).
La stessa Jane Birkin, racconta a Le Figaro, di essere stata profondamente imbarazzata quando fece ascoltare il 45 giri ai genitori. Cercava di alzare la puntina del giradischi tutte le vole che i mugolii le parevano eccesssivi.”Mia madre pensava che fosse una bella melodia, e mio padre mi ha difeso quando lo scandalo ha assunto proporzioni enormi”.
Il Procuratore della Repubblica di Milano ordinò il sequestro e la distruzione del disco su tutto il territorio nazionale per “oscenità”. Anche il quotidiano vaticano L’Osservatore Romano si pronunciò negativamente rispetto alla canzone del cantautore francese.RIASCOLTIAMOLA, QUI SOTTO, NEL VIDEO ORIGINALE.

x

Ti potrebbe interessare

a pornopitocchetto

Che fai, ragazza con quella mano? Il Porno-Pitocchetto e dintorni nel Settecento contadino

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo