Home / News / Joseph Wright of Derby: Ombre rosse
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

30righederby

Joseph Wright of Derby: Ombre rosse

di Enrico Giustacchini

Joseph Wright of Derby ha lungamente, appassionatamente amato la Scienza. E lungamente, appassionatamente, ha creduto nel Pensiero positivo, nell’inarrestabilità gioiosa del Progresso umano, nel canto stentoreo delle macchine industriali.


Ha dipinto le meravigliose avventure dell’astronomia, della fisica e della chimica: planetari complicati come tele di ragno, pompe che risucchiano l’aria alla ricerca dell’assolutezza del nulla, sconosciuti elementi imprigionati in alambicchi che ne effondono la luminosità bianchissima e raggelata.

Si è fatto guidare, nella sua ottimistica crociera di pittore di successo, da una luce minore, e non meno fascinosa: la luce artificiale. In tutte le declinazioni: quella che violenta la tenebra di una miniera, di un’officina, di un laboratorio con lampi rabidi o soffusi bagliori; quella che fa esplodere una notte romana – non poteva mancare, per un artista inglese del tempo, l’esperienza del Grand Tour, con tappa obbligata all’Urbe – nello sfavillio crepitante d’uno spettacolo pirotecnico.

Poi, negli ultimi anni di vita, Wright pare acquietarsi un poco. Respira più profondo, guarda più lontano. Forse è anche un tantino disilluso. Talvolta dimentica la frenesia d’un mondo inesausto e incontentabile e si smarrisce con la mente ed il cuore entro paesaggi diversi, praterie sconfinate, montagne rocciose che salgono alle nuvole.

Sopra una di queste montagne, una giovane vedova indiana ricambia la sua malinconia. E’ seduta ai piedi d’un albero spoglio, da cui pendono le armi e gli indumenti del compagno, che ora non è più, e cavalca nei pascoli del cielo: la pelle di bisonte, il tomahawk, la faretra dalle frecce infallibili. La vedova appoggia il volto alla mano. Le ombre oscure del cielo s’infiammano per una luce che certo non proviene dagli uomini.

Joseph Wright of Derby, La vedova di un capo indiano veglia le armi del marito morto,  olio su tela, 102x127 cm, 1785

Joseph Wright of Derby, La vedova di un capo indiano veglia le armi del marito morto,
olio su tela, 102×127 cm, 1785

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica