Home / Arte contemporanea / Kiki Kogelnik, regina dell’arte pop. La sua storia, i suoi quadri. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Kiki Kogelnik, regina dell’arte pop. La sua storia, i suoi quadri. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, POCO PIU’ SOTTO NELLA PAGINA, ALLA TUA DESTRA DOVE C’E LA FRASE “SEGUICI SU FACEBOOK”. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Kiki Kogelnik (1935-1997) è stata una delle principali protagoniste della cultura pop. Pittrice e scultrice austriaca, Kiki aveva studiato all’Accademia di Belle Arti di Vienna e si era trasferita negli Stati Uniti nel 1961, in un periodo cruciale in cui si creavano i presupposti per un’affermazione mondiale dell’arte americana. Aveva come astrattista, sotto l’influenza di
Serge Poliakoff dell’Ecole. Kogelnik era vicina ad un espressionista astratto, l’artista americano Sam Francis, e trascorse con lui, nel 1961, alcuni mesi a New York e a Santa Monica, in California. Kogelnik si è era poi trasferita a New York nel 1962, dove si inserì nella cerchia artistica di Roy Lichtenstein, Claes Oldenburg, Andy Warhol, Larry Rivers, Tom Wesselmann, Joan Mitchell, Robert Rauschenberg e Jasper Johns. Pop era anche un modo di vivere e di percorrere i canoni della della stravaganza. E la presenza di Kogelnik si rivelava, in qualunque ambiente in cui andasse, un avvenimento.
Il suo lavoro in quel periodo è stato fortemente influenzato dai colori e dai materiali della pop art. Le tematiche esplorano la gioia e l’euforia. Le opere sono caratterizzate da colori vivaci. A differenza degli altri artisti pop, evitava la celebrazione del commercio o degli oggetti quotidiani.
Durante i primi anni ’60 Kogelnik ha cominciato a utilizzare stencil di carta, con le silhouette dei propri amici. Nel 1965, questi prototipi di taglio diventarono velluti in vinile.
Nel 1966 Kogelnik si sposò con il radicale George Schwarz – che esercitava la professione di oncologo – . Nel 1967 ebbe un figlio e tornò a New York. Nel 1969, Kogelnik creò un Moonhappening durante l’atterraggio lunare di Apollo 11 presso la Galerie Nächst St. Stephan di Vienna, producendo una serie di serigrafie lunari durante la trasmissione in diretta. Negli anni Settanta ha esplorato il ruolo femminile nella pubblicità commerciale, con l’ironia, l’umorismo e l’estetica  del pop.
Negli anni Ottanta, figure frammentate, segni e simboli percorrono il lavoro di Kogelnik e nella sua serie Expansions, moduli in ceramica entrano in combinazione con i suoi dipinti.
Nelle opere successive, il corpo umano è raffigurato in forma sempre più frammentaria e manipolata, finché negli anni Novanta gran parte del suo lavoro si focalizza sulla rappresentazione volti estremamente astratti ma espressivi. Durante questo periodo Kogelnik ha creato una serie di sculture di vetro, disegni e stampe correlate, in cui ha cercato di commentare i temi decorativi e commerciali dell’arte.
Dopo la sua morte, – avvenuta il primo febbraio 1997 a Vienna –  è stata aperta la Fondazione Kiki Kogelnik, un’organizzazione senza fini di lucro, con uffici a Vienna e New York City. Il fine della fondazione è proteggere, documentare, ricercare e perpetuare l’eredità creativa di Kiki Kogelnik.
Nel 2003 le poste austriache hanno realizzato un francobollo di 55 centesimi con un dipinto di Kogelnik del 1973.

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

http://www.sothebys.com/en/search-results.html?keyword=Kiki+Kogelnik

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Thomas Rowlandson – Sesso gioioso e comico tra Settecento e Ottocento

Mc Cartney – Calchi di vagine. La Grande Muraglia delle donne diventa di bronzo