Home / Mostre in Italia / La Fabbrica dei sogni. “Il bel San Francesco” di Alfonso Rubbiani
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La Fabbrica dei sogni. “Il bel San Francesco” di Alfonso Rubbiani

 

a87833144f38ecc93fe7ea3c6cd29a81d63d

Alla ex chiesa di San Mattia (via Sant’Isaia 14/a) la mostra La Fabbrica dei sogni. “Il bel San Francesco” di Alfonso Rubbiani organizzata e promossa dalla Direzione Ragionale per il Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna

Nel Centenario della morte, la mostra vuole ricordare quello che fu il più grande impegno di Alfonso Rubbiani, “il punto di partenza e quello d’arrivo del suo viaggio spirituale”, il restauro della chiesa di San Francesco che egli diresse dal 1886 fino al suo ultimo giorno, il 26 settembre 1913.



L’idea, nata dalla conoscenza dei documenti conservati nella Biblioteca dei Frati Minori Conventuali, vuole dare la giusta evidenza ai materiali che costituiscono forse la più sistematica e organica raccolta di documenti relativa a uno dei cantieri di Alfonso Rubbiani.
La mostra illustra inoltre l’eredità che Rubbiani ha lasciato a coloro che hanno proseguito l’opera dopo la sua scomparsa. L’evoluzione del gusto e il progressivo definirsi della regolamentazione nel campo del restauro e della conservazione sono attestati, nell’ultima sezione, dagli interventi di ricostruzione operati dal Soprintendente Alfredo Barbacci in seguito ai bombardamenti subiti dalla chiesa nel 1943 e 1944. 

La Fabbrica dei sogni. “Il bel San Francesco” di Alfonso Rubbiani
23 novembre 2014 –  Bologna, ex chiesa di san Mattia

Costo del biglietto: gratuito 
Prenotazione:Nessuna 
Orario: da giovedì a domenica ore 11.00-19.00 
Telefono: 051.4298242 – 051.4298224 
E-mail: dr-ero.comunicazione@beniculturali.it 
Sito web: http://www.emiliaromagna.beniculturali.it

visite guidate:
giovedì ore 17.30
domenica ore 11.15
negli altri giorni su prenotazione per gruppi di almeno 10 persone

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista